L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

02/05/2005 17:33:35

Strane sensazioni

Gentile dottore, ho 33 anni e fino a poco tempo fa ho sempre goduto di ottima salute (non ho mai "visto" un ospedale).
A dicembre 2004 dopo un periodo di forte stress (ho perso il lavoro, mi hanno investito e ucciso il gatto che ho raccolto senza vita dalla strada) ho cominciato ad avvertire formicolio al piede e alla mano sinistra, successivamente anche al piede e alla mano destra. I sintomi sono durati per un mese (a volte il formicolio cominciava appena mi svegliavo la mattina e durava praticamente tutto il giorno). Allarmato dai sintomi ho fatto ai primi di gennaio una visita neurologica all'ospedale S.Eugenio di Roma, ma per il neurologo i miei sintomi erano dovuti a somatizzazione da stress e ipertensione emotiva e non ha voluto approfondire con ulteriori esami nonostante io richiedessi quantomeno una risonanza magnetica. Piuttosto mi aveva proposto antidepressivi e eventuale terapia da uno psicoterapeuta. Il formicolio non si è più ripresentato ma nel frattempo sono cominciate altre strane sensazioni: sensazione come di acqua che scorre lateralmente sul viso a destra e a sinistra (adesso scomparsa), ogni tanto piccoli tremori o piccole contrazioni muscolari, sensazione di punturine e aghi di spillo, inoltre quando la sera prima di addormentarmi poggio la testa lateralmente sul cuscino sento le pulsazioni nelle orecchie (questo sintomo è ormai una costante, sembra come il battito del cuore ma non lo è..che diavolo è?). Ma non è finita, sempre in questo periodo ho avvertito prima un intorpidimento del ginocchio sinistro (che mi scricchiola continuamente) e poi al piede sinistro (anch'esso mi scricchiola e sento come qualcosa che scorre dentro la pianta del piede) come se avessi un alterato appoggio plantare. Non ho mai avuto comunque problemi di deambulazione, di perdita di equlibrio, di paresi, di mal di testa o di vista, probabilmente invece ho qualche problema posturale visto che guardandomi allo specchio ho lo zigomo e la spalla destra notevomente più alti che nella parte sinistra (il dentista mi ha diagnosticato una forte malocclusione che secondo lui è causa dei miei disturbi mah...) . L'unico malessere organico che avverto da anni è un dolore nella zona lombosacrale che si presenta sia quando faccio lunghe passeggiate sia quando faccio anche piccolo sforzi fisici tipo chinarmi e rialzarmi continuamente, ma non ho mai fatto accertamenti in proposito. Adesso sono in attesta di una visita ortopedica e di una risonanza magnetica lombosacrale. Le dico la verità: chi mi sta intorno sostiene che i miei sintomi siano solo somatizzazioni d'ansia, ma io non ne sono per niente convinto: perché poi dovrei somatizzare proprio sul ginocchio e sul piede sinistro? Io sono terrorizzato perché penso di avere sintomi iniziali di sclerosi multipla e sto' pensando di rivolgermi ad un altro neurologo per effettuare gli esami del caso. Cosa mi consiglia? Secondo Lei c'è una spiegazione ai miei sintomi? Potrebbe essere la sclerosi multipla? Grazie per la disponibilità, Massimiliano

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del06/05/2005

La presenza di formicolìo ai piedi e di dolore a livello lombare può orientare anche verso una sindrome da irritazione radicolare e, in questo senso, la RMN lombo-sacrale che eseguirà potrà chiarire questo problema. Per qunto riguarda tutti gli altri sintomi, certamente piuttosto "misti", l'ipotesi di una somatizzazione d' Ansia rimane sicuramente la più probabile. Comunque, visto che l' Ansia ha la tendenza ad autoalimentarsi e lei ha già molte preoccupazioni rivolte a questi disturbi, una RMN cerebrale potrebbe avere anche un'importante funzione terapeutica oltre che diagnostica, quindi potrebbe benissimo eseguirla ottenendo così i famosi "due piccioni con una fava". L'ipotesi che si possa trattare di una Sclerosi Multipla è sicuramente molto remota ma certamente nessuno è in grado di dirle che sicuramente non ce l'ha senza prima approfondire il suo caso con ulteriori esami.

Dott. Edoardo Gentile
Casa di cura convenzionata
Specialista in Neurologia
TORINO (TO)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra