L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Occhio

04/04/2008 10:08:56

Streptococcus pneumoniae

Gentile Dott. ho un bimbo di 8 mesi. Da quando aveva due mesi i suoi occhietti hanno cominciato a lacrimare e a perdere materia giallastra. A circa 5 mesi un occhio è guarito mentre l'altro ancora no. Il mio pediatra mi ha dato il Tobral ma senza nessun effetto. L'ho portato da un oculista che mi ha fatto eseguire un tampone oculare da quale è risultato che è affetto da Streptococcus pneumoniae. Mi hanno detto che guarirà da solo di tenerlo pulito costantemente. Ma si potrebbe trattare di condotto lacrimale chiuso e congiuntivite. Cosa posso fare? Non posso più vederlo così e più che altro ho paura che tutto ciò comporti qualcosa alla vista. Resto in attesa di un cortese riscontro. Grazie mille. Buon lavoro. E. P. - Rieti

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del07/04/2008

Caro utente,
sicuramente i sintomi riferiti sono ascrivibili ad un occlusione o ad un ritardo di sviluppo dei dotti naso-lacrimali,situazione comune in molti neonati.
I canali lacrimali si sviluppano in una colonna di ectoderma nel sottocutaneo dell'incavo naso-ottico. La canalizzazione si completa intorno alla nascita e un'ostruzione membranosa può persistere nel tratto più basso (valvola di Hasner). Dal 6% al 20% dei neonati sviluppano durante il primo mese di vita i sintomi dell'ostruzione congenita del canale naso-lacrimale, il cui esito più comune è la risoluzione spontanea senza trattamento (solo 0,7% di questi bambini ha ancora una sintomatologia persistente a 12 mesi).
La terapia primaria della SCCNL è il massaggio naso-lacrimale, associato a pulizia di palpebre e naso. Gli antibiotici topici vanno usati solo in caso di importante secrezione mucopurulenta.
Raramente si arriva all'indicazione di un trattamento chirurgico standard, condotto in anestesia generale, che è il sondaggio (probing) del canale naso-lacrimale con una sonda sottilissima che ne lacera la membrana nel tratto più basso. Sull'età ottimale per il probing mancano studi controllati e una reale valutazione dei rischi e delle complicanze della procedura.
Un caro saluto.
siravo@supereva.it
http://siravoduilio.beepworld.it

Dott. Duilio Siravo
Specialista attività privata
Specialista in Oftalmologia
PISA (PI)


Altre risposte di Occhio







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra