L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

14/01/2006 02:02:15

Tachicardia?

Salve, ho eseguito gli esami del sangue prescrittimi dal medico di famiglia e in generale sono normali: unico valore sballato gamma globuline=17.9 e glucosio 111. Gli esami della tiroide sono normali. Tuttavia riferisco al medico episodi di tachicardia e dispnea. eseguo così visita cardiologica e ECG e mi viene prescritto un betabloccante CONGESCOR 2.5mg. Vorrei sapere quanto possa essere grave e che soluzioni cliniche tale patologia e se tale betabloccante debba essere assunto per sempre o si possa interrompere. puo' la tachicardia essere derivante dalla menopausa (ho 52 anni ma non sono ancora in menopausa)?Grazie.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del16/01/2006

Il sovrappeso fa pensare che il beta-bloccante le sia stato prescritto per una condizione ipertensiva che spesso ad esso è associato. Tuttavia Lei non ne fa menzione. Inoltre l'eccesso di peso predispone all'insorgenza di Diabete mellito. Pertanto ritengo che Lei, oltre che assumere le terapia farmacologica che le è stata consigliata, farebbe bene a cercare di controllare meglio il suo peso: il valore di 111 della glicemia è infatti ai limiti della norma o addirittura leggermente superiore ad essa.

Dott. Tonino Grasso
Pubblica amministrazione
NARDO' (LE)


Risposta del16/01/2006

Controlli meglio gli esami della tiroide, la normalità non esiste, quando un valore va da 0,8 a 3,5; dove sta la normalità, se ho 0,9 oppure 3,4 è normale? oppure 0,9 è basso e 3,4 è alto. Quali esami ha eseguito? spesso anche se gli esami sono negativi, non vuol dire che il problema non esiste, ma semplicemente non abbiamo eseguito gli esami necessari per scoprire il problema. Lei è in soprappeso, con la glicemia ai limiti pertanto si può presupporre una sindromemetabolica iniziata molti anni prima che nessuno è andato a cercare. La tachicardia potrebbe essere dovuta alla liberazione dell'ormone da parte delle cellule tiroidee perchè distrutte dall'ainfiammazione, di una probabile Tiroidite autoimmune, se l'obesità fosse dovuta a una ghiandola tiroidea che non funziona bene da diversi anni?
Controlli se ha eseguito tutti gli esami minimi per diagnosticare una toroidite autoimmune:
Tipizzazione linfocitaria e sottopopolazioni, emocromo e formula, piastrine
anticorpi sierici anti tireoglobulina
anticorpi sierici anti microsoma tiroideo
Tireoglobulina
anticorpi sierici anti recettore TSH
FT3, FT4, TSH
· ANTICORPI ANTI-EPSTEIN BARR (EBNA-IgG, EBNA-IGM, VCA-IGG, VCA-IGM, EA-IGG, EA-IGM)
· ANTCORPI ANTI-GANGLIOSIDI GMi lgG e lgM
· ANTICORPI ANTI-HELICOBACTER PYLORI lgG e lgA
ANTICORPI ANTI-CITOMEGALOVIRUS lgG e lgM
Anche i virus Coxakie potrebbero causare tachicardia
Purtoppo i betabloccanti vanno semplicemente sul sintomo, ma non su chi ha provocato il sintomo.




Dott. Alberto Moschini
CARRARA (MS)



Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra