L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

20/05/2006 09:56:40

TAS Alta

A seguito di analisi del sangue a dicembre mi sono accorto che il valore della TAS era 1020 consultando il mio medico mi ha prescritto un ciclo di punture a base di pennicellina (1 ogni 15 giorni per 6 punture), poi ho rifatto le analisi e invece di diminuire il valore TAS ora è 1280, ho sentito oltre il mio medico un altro dottore ma nessuno mi ha saputo dare spiegazioni chiare , io vorrei sapere da cosa è causato questo alto valore e se l'unico metodo per curarlo sono queste punture, inoltre volevo sapere che conseguenze portano all'organismo avere questi valori cosi alti e se dovesse continuare a crescere il valore quando mi dovrei preoccupare.
grazie in anticipo per il vostro aiuto saluti

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del24/05/2006

Se l'unico valore fuori scala dei suoi esami era il titolo antistreptolisinico e lei non presenta alcuna sintomatologia di accompagnamento significativa (angine febbrili ripetute e/o dolori alle grosse articolazioni ricorrenti), il suo medico le ha prescritto la cosa giusta, ma in assenza di risultato sul valore di TAS dopo terapia prolungata con penicillina, conviene solo continuare a mantenerlo sotto osservazione con esami da ripetere periodicamente. Il titolo antistreptolisinico segnala solo l'avvenuto contatto con lo streptococco beta-emolitico, ma non è un fattore diagnostico per malattia certa, dovendo essere valutato assieme ad altri parametri e, soprattutto, alla clinica. Anzi, in alcune parti del mondo, ad esempio negli Stati Uniti, il TAS non viene neppure preso in considerazione e la sua capacità predittiva di malattia viene valutata pari a zero. A mio parere tutti gli eccessi sono sbagliati, pertanto non bisogna esagerare nell'interventismo, ma neppure ignorare del tutto questo fattore.

Dott. Francesco Gedda
Medico Ospedaliero
Specialista in Otorinolaringoiatria
TORINO (TO)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra