L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

07/10/2006 15:30:30

Tenesmo associato ad ansia

Salve, ho 21 anni e nel marzo 2005 in seguito ad un evento scatenante dovuto a una sostanza stupefacente ho iniziato a soffrire di Ansia generalizzata e Depressionefino ho subito iniziato una cura farmacolagica con un Neurologo: ZOLOFT 5O MG e Alprazolam 10 gocce 3 volte al dì per due settimane , poi al bisogno.Poi quasi contemporaneamente ho iniziato una Psicoterapia Dinamica con cui ho fatto molti progressi,a giugno 2006 ho iniziato a diminuire gradualmente lo zoloft.
Purtroppo il percorso verso la guarigione è stato ostacolato più volte da eventi negativi che si sono abbattuti sulla mia famiglia e quindi indirettamente su di me, oltretutto con la mia psicoterapeuta abbiamo toccato uno dei punti cruciali della mia depressione ansiosa(il rapporto con mia madre) così ad inizio settembre ho avuto una semiricaduta laddove prima si presentava un picco d'ansia ora si presenta anche il bisogno impellente di andare al bagno a defecare e ciò e molto debilitante. Ho cambiato terapia farmacologica con uno psichiatra fantastico che mi ascoltato per due ore e mi ha prescritto: EFEXOR 75 mg per 14 giorni e poi 150 una volta al giorno e Alprazolam 0,50 mg in compresse 3 al giorno per 45 giorni e poi lasciarle gradualmente.
Sono passati 12 giorni dall'inizio della terapia farmacologica, l'ansia si un pò attenuata ma la persistono ancora un pò i sintomi depressivi, il problema più impellente è questa specie di agorafobia dovuta a questi bisogni improvvisi di andare al bagno in situazioni particolarmente ansiogene.Tengo a precisare che ora conduco una vita normale nel senso che esco e vado all'università però mi sento tutto contratto nel basso ventre e ho fatto anche esami che hanno ovviamente confermato che sono sanissimo e che è una semplice colite spastica di natura nervosa. Ora volevo chiedervi se bastano gli antidepressivi per curare questa somatizzazione nell'intestino ho se c'è qualche farmaco per calmare la fase acuta di questo fastidioso sintomo.
GRAZIE.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del11/10/2006

credo che la terapia sia adeguata, anche se deve aspettare ancora un po' perchè faccia effetto completamente. in questi casi si somatizzazioni coliche può essere utile associare levopraid o lexil. Consiglio inoltre di consultare il sito www.sindromecolonirritabile.org.

Dott. Gaspare Palmieri
Casa di cura convenzionata
Specialista attività privata
Specialista in Psichiatria
MODENA (MO)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra