L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

29/03/2007 14:13:22

Terapia colangite

Buongiorno,
mio suocero è stato sottoposto 2 mesi fa ad un delicato intervento per colangite con shock settico derivante a complicanze dovute a calcoli.
In questi mesi, visto che la bile non prendeva il suo corso, gli sono stati inseriti 2 "tubi protesi" per cercare di aiutare i condotti a rimarginarsi.
L'altro problema era una forte infezione addominale che provocava febbre alta.
Gli sono stati somministrati diversi antibiotici nel corso delle settimane ma nessuno è stato utile, fino ad uno degli ultimi. (negli ultimi 3-4 giorni di febbre non ne ha avuta, quando invece nell'ultimo mese non passava giorno senza avere almeno 38°).
L'atra notte però ha avuto una crisi respiratoria e i dottori dicono che sia l'infezione che ha occluso alcune vie biliari all'interno del fegato e che stia propagandosi nonostante la somministrazione di innumerovi antibiotici.
Quello che mi chiedo è: se non ha più la febbre da 3-4 giorni significa che l'ultimo antibiotico funziona e forse l'infezione si stia finalmente arrestando.
oppure anche se non ha la febbre l'infezione può crescere?

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del01/04/2007

Con le dovute cautele ( la medicina non è una scienza,si procede per probabilità) l'assenza di febbre dovrebbe significare che l'ultimo antibiotico sta debellando l'infezione. Ma quattro giorni di sfebbramento sono pochi per sciogliere la prognosi. Nel frattempo, oltre a praticare una rx del torace ( per la crisi resiratoria intervenuta), è opportuno rivalutare se tutti i calcoli nel coledoco sono stati tolti ( bilirubinemia totale e frazionata, fosfatasi alcalina,amilasemia, lipasemia, ecografia, TAC). Se torna la febbre e/o gli esami non sono chiarificatori, è necessaria una rivalutazione delle vie biliari ( coledoco) tramite endoscopia digestiva.

Dott. Raffaele Di Tommaso
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Cardiologia
Specialista in Medicina interna
CASERTA (CE)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra