L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Salute maschile

28/07/2006 23:28:46

Teratozoospermia e astenozoospermia

Egregoio Dottore,
ho solo 24 anni e sono molto allarmato dalle analisi che ho ritirato quest'oggi presso l'Ospedale San Raffaele di Milano.
Lo specialista urologo a cui mi sono rivolto presso l'Istituto Clinico Humanitas (originariamente per far valutare un problema di brevità del frenulo) mi ha suggerito di seguire una terapia con Levoxacin, a seguito del riscontro di enterobacter aerogenes nel liquido seminale.
Al termine della terapia di 7 giorni ho dunque eseguito nuovamente l'esame colturale del liquido, e questa volta anche lo spermiogramma.
Dall'esame colturale risulta una crescita batterica nel campione urinario ma a destare in me la massima irrequietezza è il risultato dello spermiogramma.
Quest'analisi infatti evidenzia diversi problemi, tra cui il più preoccupante è il rilievo della morfologia che mette in luce il 100% di forme patologiche e lo 0% di forme normali.
Le conclusioni diagnostiche infatti riferiscono teratozoospermia e astenozoospermia.
Purtroppo oggi è anche venerdì e non posso rivolgermi al mio medico di base; mi domando: è una patologia inguaribile? Non potrò mai avere figli? Esiste qualche farmaco o intervento per invertire le percentuali?
La ringrazio per la risposta che mi vorrà dare.

Le allego anche le voci indicate con asterisco nello spermiogramma (oltre ad un "Tempi di fluidificazione: il campione non fluidifica" non segnato con l'asterisco ma che mi desta qualche sospetto):
Motilità dello sperma
- progressiva rettilinea a 60 min.: 10%
- progressiva totale (rettilinea/non ret.): 37%

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del31/07/2006

Caro Signore,
non drammatizzi la sua situazione clinica. E' questo un quadro seminale che può essere dovuto alla problematica infiammatoria che le è stata diagnosticata. Monitorizzi il suo quadro clinico con il suo andrologo e poi rivaluti il problema quando è stata risolta l'infezione delle vie uro-seminali.
Comunque , se desidera avere più informazioni su questo tipo di tematiche , le consiglio la facile lettura del manuale , scritto dalla dra Elisabetta Chelo, "Quando i figli non arrivano" CIC edizioni internazionali , Roma.
Un cordiale saluto.




Dott. Giovanni Beretta
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Andrologia
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Specialista in Urologia
MILANO (MI)


Altre risposte di Salute maschile







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra