L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

29/11/2005 17:51:05

Tic nervosi e gelosia

Il mio ragazzo ha 28 anni, stiamo insieme da un anno e non so come gestire la sua gelosia. Ha sempre paura che io lo tradisca, vuole essere con me in qualunque occasione, anche quando gli spiego che la sua presenza è inopportuna. Mi telefona più volte al giorno per sapere cosa faccio e con chi sono, mi ripete continuamente quanto gli manco e che non devo fargli del male. All'inizio ho sottovalutato questo problema perchè speravo che con il tempo sarebbe cresciuta anche la fiducia, ma non è così ed inizio a preoccuparmi. Oltretutto presenza anche tutta una serie di tic nervosi sia vocali che gestuali che si accentuano quando siamo da soli e si lascia andare, mentre li controlla meglio quando siamo con altre persone. Secondo me ha anche qualche comportamento compulsivo, per esempio controlla tutti i vetri e tutte le portiere dell'auto dopo averla parcheggiata e spesso tocca gli oggetti come se volesse sentire di che materiale sono fatti. Io inizio ad essere preoccupata e vorrei aiutarlo ma non so a chi mi posso rivolgere. Gli serve un neurologo oppure uno psicologo?

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del02/12/2005

Ha ragione a voler aiutare il suo ragazzo, ma bisogna vedere se lui ha voglia di farsi aiutare!
Tutto fa pensare ad una sintomatologia compulsiva che, associata alle manifestazioni di dipendenza affettiva con gelosia ecc, fa ipotizzare un disturbo di personalità.
Significa che molto probabilmente il suo ragazzo deve fare ordine nel modo in cui vive e gestisce l'affettività e le relazioni.Il rischio è che questa sintomatoligia peggiori e si ripercuota negativamente sulla relazione di coppia rendendola soffocante.
Lo specialista adatto è uno psichiatra che abbia anche competenze psicoterapeutiche, oppure un medico psicoterapeuta.
Innanzi tutto va fatta una diagnosi precisa, poi si valuta quale terapia sia più opportuna.



Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra