L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

22/03/2005 15:09:56

Tiroide infiammata sono preoccupata

Buongiorno.ieri ho fatto il controllo ecografico alla tiroide perchè 1 anno fa mi è stato riscontrato1nodulo(4-5mm di grandezza).il nodulo è rimasto invariato come dimensioni dopo1anno ma mi ha detto l'ecografo che ho un'infiammazione alla tiroide e mi ha consigliato di rivolgermi ad un endocrinologo e fare tutti gli esami del caso e di non trascurarla.io mi sono spaventata.ma cosa mi comporta questa tiroide infiammata?da cosa è dovuta?con cosa va curata?grazie dell'attenzione prestatami.arrivederci.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del25/03/2005

La tiroide infiammata può in realtà essere la Tiroidite ( di Hashimoto o di De Quervain ) . Mentre la Tiroidite di Hashimoto é causata da una reazione del sistema immunitario contro le properie cellule ( tra cui quelle della tiroide ) , la Tiroidite di De Quervain é provocata da un virus .
Gli accertamenti da fare sono : Emocromo con VES ; FT3; FT4 ; TSH ; anticorpi Anti-TPO e Anti-Tireoglobulina .
La Tiroidite é una malattia non grave , che si cura con terapia farmacologica ,.

Dott. Vito Patella
Medico Ospedaliero
Specialista in Anatomia patologica
Specialista in Medicina del lavoro
Specialista in Oncologia
BOLOGNA (BO)


Risposta del25/03/2005

bisogna in primo luogo stabilire la natura della infiammazione tiroidea,se di tipo autoimmunitario ( occorre il dosaggio degli anticorpi anti tireoglobulina, antimicrosomiali ed anti-tireoperossidasi ) , se di tipo virale o batterica.
In ogni caso non esiste motivo di grave preoccupazione, moltissime tiroiditi evolvono spontaneamente in guarigione senza lacun esito , altre nel tempo evolvono in ipofunzione ghiandolare e vanno quindi trattate con terpia ormonale sostitutiva. Consiglio di effettuare controllo di FT3 , FT4 , TSH , TG ed anticorpi anti TG-MS-TPO ogni 3-4 mesi , ecocolordoppler della tiroide ogni 6-8 mesi, e di recarsi presso un ambulatorio di endocrinologia o di medicina interna per essere seguita nel tempo, senza angoscia del tutto ingiustificata.

Dott. Maurizio Sellini
Ricercatore
Universitario
Specialista in Medicina interna
ROMA (RM)


Risposta del30/03/2005

Le consiglio un consulto con un endocrinologo specialista della tiroide, che troverà certo su indicazione del suo curante. Magari vada facendo prima i seguenti esami del sangue: FT3, FT4, TSH, Anticorpi antitireoglobulina, Anticorpi antimicrosomiali. Richieda la prescrizione sempre al suo medico di base. Non si preoccupi.
I problemi della tiroide, anche se necessitano di una certa pazienza, si curano bene con i farmaci e raramente richiedono il trattamento chirurgico.

Dott.ssa Francesca Ughi
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia plastica ricostruttiva
MILANO (MI)



Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra