L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

31/08/2006 17:14:48

Tiroide

Nel mese di luglio, a cusa di abortività ripetuta (ultimo aborto giugno 2006) mi sono sottoposta ad analisi accurate. Per quel che riguarda la tiroide, i valori ormonali si sono presentati tutti nella norma. Tra gli anticorpi, gli anti tireoglobuline risultavano essere pari a 160. Ripetuti dopo 20 giorni, sono risultati raddoppiati.
Questa alterazione può essere indice di una patologia tiroidea?
Devo indagare più approfonditamente la tiroide?
Ci può essere una correlazione con l'abortività ripetuta?
In attesa di cortese riscontro, saluto cordialmente

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del03/09/2006



Sarebbe sempre bene indicare gli esami eseguiti, anche se definiti “normali, poiché gli aborti ripetuti, possono dipendere da molte cause, fra cui anche le alterazioni della funzionalità tiroidea. I valori ormonali, sono stati definiti tutti nella norma; ma dove può esistere la normalità quando i valori “normali” di riferimento sono compresi fra 0.50 e 4.50? se lei ha un valore di 0.60 è “normale” oppure basso, quindi in ipotiroidismo; ma se lei ha 4.1 è “normale” o alto, e lei è in una condizione di ipotiroidismo. Come vede cambia tutto notevolmente. Inoltre lei a gli anticorpi che aumentano in maniera esponenziale, in soli 20 giorni. Carissima, lei ha una Tiroidite autoimmune, che spiega benissimo la sua ripetuta abortività, anche perchè l’agente patogeno che ha provocato, attraverso il mimetismo molecolare, la produzione di autoanticorpi e di conseguenza la Tiroidite , può lui stesso provocare gli aborti.
Pertanto tutto questo va attentamente ricercato, senza superficialità, le tiroiditi vanno curate eliminando dall’organismo l’agente che ne ha provocato l’inizio, modulando la ghiandola, per riportarla alle condizioni iniziali. Sicuramente non con farmaci chimici, che agiscono solamente sui sintomi, ma con farmaci che agiscano sulle vere cause che hanno determinato l’innesco infettivo. Per effettuare tutto questo, vanno ricercati gli agenti patogeni presenti nel suo organismo, seguirne la eliminazione.
Saluti





Dott. Alberto Moschini
Specialista in Medicina alternativa (omeopatia,agopuntura...)
MASSA (MS)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra