L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Cuore

13/05/2007 23:29:00

TIROIDECTOMIA POST INTERVENTO

Egr. Dott.ri,
dopo 6 ore dall'intervento (asportazione tiroide intratoracica e abbastanza ingrossata da tempo) si sono presentati dei sintomi di debolezza e insufficenza respiratoria o fame d'aria che perdura per 3/4 ore; è normale prassi vigilare il paziente anzi procedere a trasportare il pz in sala operatoria per riaprire la ferita e accertarsi che non vi sia traccia emorraggica? Oppure si aspetta fino a quando può succedere di tutto? Magari lasciando il pz solo o con un parente avvertento che se ci sarà qualche problema di chiamare quantomeno lo specializzando?
Vi prego di rispondere grazie.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del21/05/2007

Le complicanze più serie di un intervento di tiroidectomia che possono presentarsi precocemente (immediatamente o nelle prime ore dall'intervento) sono: il sanguinamento, evento piuttosto pericoloso, che può richiedere una revisione chirurgica immediata e la paralisi delle corde vocali, che se é bilaterale, può essere causa di asfissia e rende necessaria una tracheotomia.
Ovviamente non bisogna confondere questi eventi rari con problemi più lievi legati al dolore post-operatorio o ai disturbi riferibili all'anestesia. In ogni reparto di chirurgia che pratichi interventi sulla tiroide il personale medico e infermieristico é attento a controllare se intervengono tali complicanze.

Dott. Sandro Faragona
Medico Ospedaliero
Specialista in Chirurgia generale
Specialista in Odontoiatria


Altre risposte di Cuore







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra