L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

13/04/2006 20:22:24

Tiroidite di hashimoto

Ho effettuato delle analisi con i seguenti risultati: ANTI TIREOGLOBULINA 263.40, ANTI PEROSSIDASI 143.20, TSH 2.64, T3 5.01, T4 12.58. un endocrinologo mi ha prescritto EUTIROX e NORMOTIR (?) e un altro mi ha detto che non è ancora necessario assumere medicinali. Cosa devo fare? Grazie.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del16/04/2006

Lei ha una Tiroidite autoimmune, oppure una reazione sui recettori del TSH, oppure tutte e due contemporaneamente, sempre di tipo autoimune, pertanto bisogna indagare sui motivi per cui si è verificata, su questi bisogna agire con una terapia adeguata, cambia notevolmente. Ha T3 e T4 alti, con un TSH normale, assumere Eutirox, non farebbe altro che sommarsi agli ormoni prodotti e produrle un Ipertiroidismo , che è già presente.
Per un meccanismo immunologico, chiamato mimetismo molecolare, in cui un agente patogeno esterno, stimola il sistema immunitario a compiere un errore, facendoli rivolgere gli anticorpi, non solo verso l’agente esterno, ma anche verso le cellule dell’organismo stesso, in questo caso le cellule tiroidee e il recettore del TSH. Se non si provvede a ricomporre l’errore, e stimolare il sistema immunitario a portare via l’agente patogeno, la malattia autoimmune prosegue indisturbata.
In questo caso, occorrono esami strumentali che facilitano il lavoro e il ragionamento diagnostico, ed arrivare in breve tempo, da una a due ore, ad una spiegazione di quello che è successo nell’organismo, sapere come sono le sue membrane cellulari, le cellule, la composizione corporea, la presenza di radicali liberi, le zone di infiammazione, conoscere l’HPA, Hypothalamic Pituitary Adrenal axis nelle sue funzioni, la PNEI, psiconeuroendocrinoimmunologia, conoscere l’agente patogeno, monitorizzare la patologia, seguirla nel tempo sulla sua evoluzione, stabilire una terapia adeguata.
Pertanto una terapia deve essere instaurata, ma sulle cause che hanno determinato e innescato la patologia.
Saluti



Dott. Alberto Moschini
Specialista in Medicina alternativa (omeopatia,agopuntura...)
MASSA (MS)


Risposta del16/04/2006

SEGUI LA TERAPIA DELL'ENDOCRINOLOGO.

Dott. Gian Piero Di Bartolomei
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Cardiologia
Specialista in Medicina dello sport


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra