L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

19/09/2006 15:41:48

Tiroidite

Buon giorno, ho 48 anni e da circa sei mesi ho un fastidio in gola, attacchi di tachicardia, tosse ed inoltre nonostante segua una dieta, non riesco a dimagrire e anzi alcune volte il peso aumenta.
Il mio medico mi ha consigliato di eseguire gli esami della tiroide i cui risultati sono i seguenti:
TSH 1,533
FT3 2,67
FT4 0,76
ANTIPEROSSIDASI TIROIDEA 409,21
ANTICORPI ANTITIREOGLOBULINA 39,06
Ho fatto anche un ecocolordoppler tiroideo da cui è risultato
quanto segue: dimensioni lobi tiroidei nella norma ed ecostruttura finemente disomogenea senza evidenza di formazioni nodulari solide o liquide bilateralmente: Non linfoadenopatie in sede laterocerviacali bilateralmente.
Integrazione con ecocolordoppler evidenzia un aumento generale e diffuso della vascolarizzazione intra-parenchimale come per stato infiammatorio in atto.
A seguito di tutto ciò il mio medico mi ha diagnosticato una tiroidite e mi ha prescritto Deltacortene 25 - 01 cmp. per una settimana- 1,5 cmp. per un'altra settimana e poi iniziare a ridurre la dose gradatamente (1 cmp. x 1 settimana, 1/2 cmp. x1 settimana, 1/4 cmp.x 1 settimana).
Ho eseguito quanto prescrittomi, ma sinceramente non ho trovato nessun miglioramento.
E' giusta la diagnosi? E la cura?
Sinceramente sono un pò sfiduciata perchè non riesco ad avere miglioramenti ed i fastidi aumentano provocandomi anche ulteriore nervosismo.
Vi ringrazio vivamente per la votra riposta che sicuramente mi aiuterà a capire qualcosa di più.
Cordiali saluti.
C.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del23/09/2006

gentile sig.ra lei è affetta da una Tiroidite cronica autoimmune in perfetto eutiroidismo. tale patologia non è responsabile della sua sintomatologia.
la presenza degli anticoepi induce ad una maggiore attenzione nel tempo infatti forse con gli anni la sua ghiandola potrà funzionare meno e necessiterà di un'integrazione ormonale.
al momento le consiglio solo controllo di TSH, FT3 FT4 ogni 8-12 mesi.
il cortisone è inutile

Dott.ssa Silvia Rilli
Specialista convenzionato


Risposta del24/09/2006


Sono in accordo con la collega, il cortisone è inutile, solamente sintomatico, bisogna sempre andare all’origine del problema e risolvere le cause che hanno determinato l’infiammazione alla tiroide, come evidenziato sia dalla sintomatologia da lei presentata, che dagli esami ematochimici, sia dalla ecografia, in cui chiaramente il radiologo segnala: “come per stato infiammatorio in atto.”
Quindi, i suoi sintomi sono caratteristici di una Tiroidite in atto, specificatamente, aggredita dagli anticorpi, che vengono prodotti per un errore del sistema immunitario, infatti il meccanismo in cui si verifica l’errore, è chiamato mimetismo molecolare, in cui un agente patogeno esterno innescata la reazione ela produzione di autoenicorpi, nel suo caso, la perissodisasi tiroidea e le cellule della ghiandola. La diagnosi esatta, non si ferma alla Tiroidite , infiammazione della ghiandola, ma alla ricerca delle cause che hanno messo in moto l’infiammazione che consiste nella individuazione di questo agente patogeno e alla sua eliminazione, in modo da fermare la produzione di autoanticorpi che piano, piano, distruggeranno la ghiandola, come lei sta già avvertendo nei suoi sintomi. La terapia, susseguente alla diagnosi, consiste nella eliminazione dell’agente patogeno individuato e nella modulazione della ghiandola, per fermare la distruzione, l’infiammazione e riportarla ad un funzionamento fisiologico.
Lei è fortunata, perché ancora non ha evidenti alterazioni ghiandolari, ma solo una disomogeneità diffusa, senza formazioni nodulari, che se non si procede velocemente a fermare la produzione di autoanticorpi, sicuramente, si formeranno.
Lei non ha pertanto trovato giovamento, perché il cortisone ferma soltanto la parte del processo infiammatorio, abbassando la risposta del sistema immunitario, che invece deve essere aiutato, non fermato. L’errore risiede ancora più a monte, intervenire a valle non serve a niente, la distruzione della ghiandola procederà indisturbata, fino alla sua completa distruzione.
Fortunatamente ancora non si sono verificate alterazioni cellulari evidenti, per cui il recupero sarà completo.
Bisogna sempre pensare anche alla prevenzione, una precoce individuazione di agenti patogeni che potenzialmente possono portare alla produzione di autoanticorpi, per qualsiasi malattia autoimmune, non solo per la Tiroidite , conduce al non verificarsi della malattia stessa, perché viene evitato, fermato, il procedere del mimetismo molecolare. Questo concetto, che viene descritto ampiamente in letteratura internazionale, ben sfruttato, conduce ad una grande prevenzione di quei guai futuri che lei, come tantissime altre persone, sta gà speriemntando. Tutto questo è possibile poiché applico la integrazione fra la recente ricerca scientifica, la medicina convenzionale, immunologia, ormesi, medicina biologica, con questo ragionamento complesso, riesco ad eseguire la diagnosi, la terapia, ma anche, soprattutto, la prevenzione.
saluti






Dott. Alberto Moschini
Specialista in Medicina alternativa (omeopatia,agopuntura...)
MASSA (MS)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra