L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

02/06/2007 11:41:14

TOSSE CONTINUA SECCA

BUO GIORNO, SONO UNA RAGAZZA DI 17 ANNI E DA PIU DI 2 MESI CHE TOSISCO IN CONTINUAZIONE UNA TOSSE SECCA FASTIDIOSA SN ANDATA DA LMIO DOTTORE E ALL'INIZIO PENSAVAMO NORMALE INFLUENZA XKE AVEVO LE TONSILLE ARROSSANTE, HO PRESO GLI ANTIBIOTICI MA NON SONO SERVITI A NULLA,ALLORA HANNO PENSATO UN'ALLERGIA VISTI IL PERIODO HO ASSUNTO IL CORTISONE MA NN MI PASSA,ALLORA SN ANDATA DALL'OTORINO E MI HA PRESCRITTO UN ACURA ANTISTAMINICA CHE STO ANCORA FACENDO MA NN VEDO ALCUN RISULTATO, SONO STANCA,LA NOTTE DEVO DORMIRE SEDUTA NON POSSO CORRERE PERCHE' MI STANCO E COMINCIO A TOSSIRE, QUANDO TOSSISCO MI MANCA L'ARIA DIVENTO ROSSA....MI CHIEDO COSA SIA, VISTO CHE I MEDICI CHE MIHANNO CURATO NON SONO RIUSCITI A FARMI STARE BENE
LA RINGRAZIO PER AVERMI ASCOLTATA ASPETTO UNA VOSTRA RISPOSTA

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del05/06/2007

non risulta da qunto riferito che sia stata effettuata una radiofrafia del torace, nè siano stati esguiti esami di routine tra cui test di flogosi. ed eventuale esame dell'espettorato, se fosse presente . se tutti questi accertamenti fossero negativi , valutare l'opportunita' di eseguire anche un ECG ed un Ecocardiogramma.

Dott. adelio giovagnoli
Medico Ospedaliero
Specialista in Cardiologia
Specialista in Medicina interna
CINGOLI (MC)


Risposta del05/06/2007

Dall'anamnesi sopradescritta potrebbe trattarsi di 2 entità ben diverse: (1) un reflusso gastroesofageo (che meriterebbe un tentativo terapeutico con un inibitore della pompa a protoni) O (2) una iperreattività bronchiale per la quale una terapia topica con un broncodilatatore associato ad un cortisone potrebbe portare sollievo (da effettuare pure un test alla metacolina). Dovessi optare per una delle 2 ipotesi, vista la chiara dispnea sotto sforzo penso sia molto più verosimile la seconda (equivalente Asma ) - quindi terapia "ad hoc" come sopradescritta, con controllo del "peak-flow" prima - durante- dopo lo sforzo. Utile un mini screening allergologico nonché una spirometria.
Professione? A contatto con potenziali irritanti bronchiali?

Dott. Ivano DELGROSSO
Specialista in Medicina del lavoro
Specialista in Medicina interna


Risposta del09/06/2007

Ha anche sintomi rinitici? (salve di starnuti, prurito nasale, rinorrea acquosa e/o ostruzione nasale). E durante la notte ha il respiro sibilante? (i classici "gattini"). Se si il quadro clinico è signidicativo per Asma bronchiale (quasi sicuramente allergico) combinata con Asma da esercizio fisico che frequentemente coesiste nei giovanissimi. Lo specialista indicato è uno pneumologo e non l'otorinolaringoiatra e la terapia è a base di steroidi e beta-adrenergici per via inalatoria. Non perdere tempo a consultare immediatamente uno specialista. Ciao e auguri.

Dott. Salvatore Caputo
Medico Ospedaliero
Specialista in Igiene e medicina preventiva
Specialista in Malattie apparato respiratorio
VITTORIA (RG)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra