L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

24/04/2005 11:37:00

Trapianto di midollo osseo

Il mio ragazzo ad agosto ha scoperto di essere malato di leucemia linfoplastica acuta. dopo vari cicli di chemio in ospedale ora è tornato a casa e continua a fare un tipo di chemio- mantenimento a casa. è in lista per fare un trapianto di midollo osseo e volevo sapere quante probabilità c'erano nel trovarlo compatibile e quante probabilità che vada a buon fine il trapianto. grazie

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del28/04/2005

PER I CASI IN CUI LA LINFOBLASTICA ACUTA SI PRESENTA CON CARATTERISTICHE MOLTO AGGRESSIVE E
DIFFICILMENTE DOMINABILI DALLA CHEMIOTERAPIA TRADIZIONALE,DA QUALCHE DECENNIO E' ORMAI
POSSIBILE CONSIDERARE IL TRAPIANTO DI MIDOLLO OSSEO CHE OFFRE,GLOBALMENTE PARLANDO,
CIRCA IL 60% DI POSSIBILITA' DI SUCCESSO.IL TRAPIANTO E' UNA PROCEDURA TERAPEUTICA CHE CONSENTE LA SOSTITUZIONE DELLE CELLULE MALATE MIDOLLARI CON CELLULE EMOPOIETICHE SANE
PRELEVATE DA UN DONATORE ISTOCOMPATIBILE: IL MIGLIORE DONATORE COMPATIBILE E' UN FRATELLO
GENOTIPICAMENTE IDENTICO O, PIU'RARAMENTE, UN ESTRANEO(DONATORE DA BANCA) IL PIU' POSSIBILE
COMPATIBILE. GLOBALMENTE PARLANDO, E CONSIDERANDO SIA LA CHEMIOTERAPIA TRADIZIONALE CHE
OL TRAPIANTO DI MIDOLLO OSSEO, UN PAZIENTE HA OGGI L(80%) DI POSSIBILITA' DI GUARIRE DALLA
Leucemia .
CORDIALI SALUTI

Dott. Vito De Caro
Medico Ospedaliero
Specialista in Igiene e medicina preventiva
Specialista in Patologia clinica
NAPOLI (NA)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra