L'esperto risponde

Domanda di: Infezioni

12/01/2008 18:26:29

Valori glicemici a digiuno la mattina e due ore dopo i pasti

Ringraziando anticipatamente per la Vs. disponibilità, desidero porre il seguente quesito, accompagnato da alcune informazioni utili.
Sono un signore di 64 anni, alto 1,68mt, peso 73kg.Sono stato dimesso dal Day Hospital a seguito di Ipertensione e dislipidemia e da allora, sono già 5 mesi, prendo costantemente le medicine assegnatemi a riguardo e cerco di prestare più attenzione ad una dieta meno ricca di grassi e di carboidrati ( sono un goloso di pastasciutta e pane, che ora limito con grande sacrificio). Grazie a ciò, ed anche ad un maggior esercizio fisico giornaliero tramite tapis-roulant ecc.. ecc.., la pressione si è stabilizzata a valori normali tra 70 di min. e 135 di max. (avevo anche picchi di 220 di massima e di 120 di minima) ed i trigliceridi che prima viaggiavano a 400-500 ora sono entro il valore di 200. Per il colesterolo non ho mai avuto problemi.
Ciò che mi desta invece preoccupazione è la glicemia.
A riguardo rilevo valori mattutini oscillanti tra 105 e 120, mentre invece detti valori due ore dopo i pasti principali rientrano nella norma (90-110).
So che ancora non lo si può chiamare diabete, ma essendo valori che si trovano in uno stato di preallarme, vorrei non farcelo diventare.Domanda: perchè i valori mattutini subito dopo essermi alzato sono più alti di quelli postprandiali? potreste chiarirmi in merito su questa distinzione?Quale potrebbe essere la causa che mi fa salire la glicemia il mattino e cosa mi consigliate di fare?
Rinnovo il mio grazie, porgo i miei saluti e resto in attesa, se possibile, di un riscontro a questa mia lettera.



Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:

Risposta del15/01/2008

Le alterazioni della glicemia a digiuno, dimostrano una alterata glicemia a digiuno(pre Diabete ),essendo la diagnosi di Diabete certa quando si hanno valori a digiuno maggiori di 125.Ilperchè della alterazione a digiuno...durante la notte l'insulina secreta dal pancreas non riesce a conytastare la produzione epatica di glucosio...è un fatto molto frequente nei diabetici.Per prima cosa vedrei con calma di perdere ancora qualche chilo,essendo in modesto sovrappeso e terrei controllata ogni 3 mesi la glicata che dovrebbe rimanere circa a7%.Qualora la glicemia a digiuno fosse ancora alterata,potrebbe assumere metformina la sera.Tuttavia una glicemia compresa tra 90 -e 130 a digiuno indica un ottimo compenso metabolico.Cordiali saluti.

Dott. Raffaele Canali
Medicina generale convenz.
Specialista attività privata
Specialista in Endocrinologia e malattie ricambio
DESIO (MI)

Risposta del15/01/2008

deve tener presente, oltre a quello che ha detto il collega illustre, che la glicemia si altera anche con l'assunzione di alcuni farmaci che lei prende per curare le due sintomatologie descritte, quindi è una iperglicemia indotta e non strutturale spesso, in casi come il suo, e che va ovviamente controllata ma senza allarmismi .

Dott. alessandro romano
Specialista attività privata
Ricercatore
Specialista in Chirurgia maxillo facciale
Specialista in Odontoiatria
ROMA (RM)



Altre risposte di Infezioni


© RIPRODUZIONE RISERVATA