L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Cuore

06/02/2006 19:41:21

Varici

Operata 7 anni fa di safenectomia arto sin comparsa di recidive su tutta la gamba addirittura a livello dei genitale; arto dx presenza di grande varice che si sviluppa su tutta la coscia fino al polpaccio! Che cosa si può fare? Mi è stata consigliata safenectomia dx ma visti i risultati a sinistra sono indecisa sul da farsi!

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del09/02/2006

I motivi per cui possono manifestarsi nuove varici (non sempre infatti si tratta di recidive) sono molteplici: 1)evolutività insita nella malattia, particolarmente insidiosa in alcuni pazienti, per cui è buona regola consigliare un controllo postoperatorio regolare per cogliere sul nascere e quindi trattare in maniera scarsamente invasiva (scleroterapia - legature in an. locale) eventuali nuove varici. 2) Ritardo eccessivo nel sottoporsi alla terapia chirurgica, che determina una compromissione via via più estesa del sistema venoso degli arti interessati. 3) Errori di indicazione o di tecnica chirurgica: la recidiva (o meglio la persistenza di varici) è praticamente immediata. 4) Persistenza di fattori di rischio: sovrappeso, abitudini di vita, gravidanze ulteriori, ecc.. 5) Sindrome posttrombotica: un danno permanente del sistema venoso profondo si ripercuote inevitabilmente nel tempo su quello superficiale (potrebbe essere il suo caso, vista la tipologia delle varici che descrive.
Con i limiti di una valutazione a distanza, Le consiglierei di seguire l'indicazione che le è stata data, integrandola con una revisione chirurgica ed eventualmente scleroterapica anche dell'arto già operato. Immagino che "safenectomia" sia una dizione abbreviata di un intervento che probabilmente comprenderà anche la identificazione e il trattamento di eventuali vene perforanti incontinenti.

Dott. Lucio Piscitelli
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia generale
Specialista in Chirurgia vascolare, angiologia
NAPOLI (NA)


Risposta del10/02/2006

Gentile signora,

sarebbe opportuno valutare con un esame ecodoppler la presenza di reflussi attraverso rami collaterali delle crosse safeniche e se possibile l'esistenza di un varicocele pelvico. Utile sarebbe un'indagine anamnestica di varici in gravidanza in regione perineo vaginale. Anche utile indagare l'esistenza di perforanti della regione mediale di coscia. Un'analisi accurata sarebbe in grado di portare a un consiglio adeguato, ricordando comunque che le recidive costituiscono spesso un'evoluzione di quella patologia cronica costituita dalle varici nella quale importanti sono anche la predisposizione e la famigliarità.

Cordiali saluti.

Dott. Fabio Chierichetti
Medico Ospedaliero
Specialista in Chirurgia vascolare, angiologia


Altre risposte di Cuore







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra