L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Cuore

11/09/2007 13:27:20

Varici

Ho 38 anni e mi sono sottoposta ad ecodoppler arti inferiori in quanto da un anno avevo notato la presenza di una vena sul polpaccio un po' in fuori e nodosa ; notavo a nche sempre una specie di ematoma intorno. A dire il vero per me era piu' una questione estetica e pensavo magari di poter sclerotizzare la vena....
Il medico che ha eseguito l'ecodoppler mi ha invece detto che devo operarmi quanto prima altrimenti rischio tromboflebiti... che la safena è da togliere entro l'inverno altrimenti la mia situazione andra' via via peggiorando con comparsa di nuove varici su tutte le gambe. Mi ha detto che c'è un'insufficienza venosa . L'esito scritto su analisi è: sistema venoso profondo: tronchi venosi iliaco femoro-popolitei pervii, comprimibili con lume normoabitato e modulazione respiratoria del flusso conservata. Cus negativa in tutti i distretti esplorati.
Ostio safenofemorale: evidente segnale di reflusso a sinistra, non reflussi evidenti in sede controlaterale alla manovra Valsalva. Tonco safenico: dilatato e refluente a sinistra ai limiti massimi di norma in sede controlaterale. Perforanti: non punti di fuga breve evidenti bilateralmente. piccole safene indenni.
Sono molto preoccupata...è bene che senta un'altro consulto? E' così grave la mia situazione come dice il medico?...In tal caso immagino sia esclusa la possibilitò di una seconda gravidanza?

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del14/09/2007

Lei non ha una malattia grave, ma, con i limiti di un giudizio a distanza e in base ai segni riferiti e all'esito dell'ecodoppler, l'indicazione chirurgica c'è, soprattutto in vista di ulteriori gravidanze che la esporrebbero al rischio di varico Flebite .
Non vi è nessuna controindicazione per successive gestazioni, anche se di questa volontà dovrà informare il Chirurgo che la opererà. Durante la gestazione osserverà specifiche precauzioni (fondamentalmente elastocompressione). Eventuali nuove varici saranno facilmente controllate mediante scleroterapia o ritocchi ambulatoriali.
http://xoomer.alice.it/luciopiscitelli/Home.html

Dott. Lucio Piscitelli
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia generale
Specialista in Chirurgia vascolare, angiologia
NAPOLI (NA)


Altre risposte di Cuore







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra