L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

01/02/2007 16:26:23

VERTIGINI

Dalla marte dei miei genitori avvenuta a distanza di 10 mesi l'uno dall'altro dopo due anni di malattia ho iniziato ad avere dei problemi di ansia che si manifestava con palpitazioni, senso di opressione e soprattutto un forte senso di instabilità e mancanza di equilibrio.
Su consiglio del mio medico curante ho seguito per oltre un anno una terapia a base di xanas e ho trovato immediatamente beneficio; poi sono andata via via scalando fino a non prendere più nulla da oltre 10 mesi.
Saltuariamente però, senza un motivo scatenante, si ripresentano le vertigini e la mancanza di equilibrio associato a delle vampate di calore che ho l'impressione mi partano dalle braccia e mi arrivano alla testa. Inoltre, specialmente quando sono sola la sera e tutti a casa oramai dormono mi assalgono dei pensieri strani che mi portano a immaginare di avere tutte le malattie del mondo, sono terrorizzata dall'idea di ammalarmi e ogni mio piccolo dolorino lo associo ad un possibile cancro per poi buttarmi in rete per verificare la sintomatologia di qualsiasi malattia io pensi di avere.
Vi chiedo se secondo il vostro illustre parere io necessiti di un aiuto terapeutico.
Vi chiedo inoltre le l'attività fisica possa attenuare questo senso di vertigini che mi assale ho infatti verificato che dopo essere andata a correre mi sento molto meglio.
Mi scuso per essermi dilungata cosi tanto e vi ringrazio per il prezioso servizio che offrite

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del05/02/2007

La terapia farmacologia è corretta, ma evidentemente lei deve elaborare sentimenti che hanno a che fare con il lutto l'incertezza. In casi come il suo( che non possono definirsi decisamente patologici, ma che rischiano di scivolare in una cronicità che deteriora la qualità della vita) può essere molto utile una psicoterapia, anche in gruppo.

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra