L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

05/02/2006 11:54:09

Virus Epstain-Barr

Egr. dottori. vorrei un consiglio .Leggendo nei forum di medicina in Internet diversi endocrinologi ribadisocno il fatto che il virus responsabile della tiroidite è l.Epstein-Barr,

Io sono seguita dall'endocrinologa da due anni per valori del tsh relativimenti bassi.NOn mi è mai stata prescitta nessuna cura, solo follow up.
Ho un nodulo tiroideo di 7 mm fermo a tale dimensione da due anni ed in novembre 2005 dopo scintigrafia risulta captante e la tiroide in sede e normale.
Tra gli ultimi esami della tiroide essi risultano nella norma TSH 4.3 (range 01-14
FT4 14,5 (range 9.2 -17) S- Tireotropina 0.044 (range 0.270-4.200) mentre le perossidasi risulta essere 352 (range 1-35 e e la tireglobina 512 (range 1-100)
Mi fu detto che sono alte per via della tiroidite avuta l'anno scorso e che quindi non torneranno mai più nella norma , di conseguenza l'endocrinologa dopo aver visto esami e scintigrafia mi ha fissato il controllo tra un anno.
Nell'arco dei due anni non mi ha mai pescitto l'esame del sangue per il virus Epstein.Barr,...
La mia domanda è. non mi è mai stato richiesto poichè gli esami del sangue del tsh etc sono nella norma e quindi escludono a priori il virus, oppure è stata una dimenticanza della dottoressa.?Se fosse così richiedeeri al mio medico curante l'esame di questo virus per sicurezza.
Cosa mi consigliate?

Grazie

Maurizia

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del08/02/2006

Credo che Lei debba fare attenzione al suo stato di salute in generale e porre rimedio ad eventuali altri piccoli disturbi , se ne ha.
L'esame per la ricerca del virus non modifica nulla della sua situazione, mentre invece la eventuale terapia convenzionale o non convenzionale ( a seconda delle necessità ) di stimolo del suo sitema immunitario o il riequilibrio delle sue funzioni fisiologiche potrebbero aiutarla.

Dott. Raffaele Pastore
Medicina generale convenz.
Specialista in Medicina alternativa (omeopatia,agopuntura...)
JESI (AN)


Risposta del08/02/2006

Purtroppo è una dimenticanza della medicina convenzionale, mentre in letteratura è scritto chiaramente che il virus di Epstein-Barr, provoca le tiroiditi (altri virus possono esserne l'agente eziologico), per un meccanismo conosciutissimo in immunologia, che si chiama mimetismo molecolare, ma non solo, determina le artriti reattivi (la rachialgia che presentano molte persone potrebbe derivare da qui), i linfomi, epatiti. Pertanto è un virus veramente fetente su cui bisognerebbe fare una buona prevenzione, ma a questo punto la medicina convenzionale si ferma, ha fatto una ottima ricerca, sa tutto sui meccanismi immunologici, molecolari, genici, ecc...., ma non sa curare la presenza del virus, per cui le risulta completamente inutile cercarlo, diventerebbe una pura ricerca accademica. Ma la medicina biologica, ha questa possibilità, conoscendo il genoma del virus, somministrandolo a debita diluizione, si può stimolare il sistema immunitario a portarlo via, quindi, come nel suo caso, bloccare il processo autoimmune e inibire completamente la distruzione della tiroide. Ma non solo tutte le adolescenti che hanno avuto la Mononucleosi infettiva, sono a rischio Tiroidite ed altro, e potrebbe essere evitata una malattia abbastanza invalidante. Quindi somministrando il genoma, farmaci omeopatici idonei, la Tiroidite si può curare, agendo non sul sintomo, ma sulla origine precisa della malattia stessa.

Dott. Alberto Moschini
Specialista in Medicina alternativa (omeopatia,agopuntura...)
MASSA (MS)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra