01/02/05  - Aiuto! - Alimentazione

01 febbraio 2005

Aiuto!




Domanda del 01 febbraio 2005

Domanda


Buongiorno, sono una ragazza di 20 anni e da 2 anni soffro di vari disturbi, ad esempio nausea quotidiana, mal di stomaco, dolori all'intestino, male alla milza, dolori cervicali, vertigini...ho fatto tantissimi esami e tutti negativi. Per questo il medico ha ipotizzato il fatto che fossero problemi psicologici, anche perchè sono una ragazza molto ansiosa, nervosa, permalosa e via dicendo. Il problema è questo: mi è scomparso l'appetito e ho perso 4 kg. Il problema è che non mi vedo grassa, anzi mi vedo giusta e ho diminuito a mangiare non x questa paura ma perchè dopo mangiato mi veniva nausea, vertigini e vampate di calore. cosi ho fatto esami x le intolleranze alimentari e non sono intollerante a nulla. Quando ho quella poca fame in più, magari se penso che quel cibo poi mi possa far male, mi si chiude lo stomaco e mi viene nausea e vampate di calore. cioè sembra una cosa psicologica. E quando mi vengono ste sensazioni divento debolissima e mi devo distendere nel letto. Con l'alimentazione sto molto attenta e non mangio schifezze, merendine e roba del genere. Mangio molta verdura e frutta, cereali ma anche proteine animali. Il fatto è che ultimamente tutto ciò che mangio dopo 2 ore diventa acido e mi torna su. Ci sono cibi che proprio mi fanno stare a letto dalla debolezza che mi viene nella digestione, ad esempio le acciughe, il tonno, il salmone e la trota, cioè tutti quei cibi con gusti forti. Aspetto una sua delucidazione. Distinti saluti
La domanda è in attesa di risposta.
Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Alimentazione



Potrebbe interessarti
L’Oms e i cibi killer: Parmigiano nel mirino?
Alimentazione
21 luglio 2018
Notizie e aggiornamenti
L’Oms e i cibi killer: Parmigiano nel mirino?
Celiachia
Alimentazione
16 luglio 2018
Patologie
Celiachia
Comporre il piatto
Alimentazione
15 luglio 2018
Libri e pubblicazioni
Comporre il piatto