23/02/05  - Allattamento prolungato - Mente e cervello

23 febbraio 2005

Allattamento prolungato




Domanda del 23 febbraio 2005

Domanda


ho 3 figli, con le prime due ho allattato rispettivamente per 15 e 12 mesi, il terzo ( 2 anni e mezzo) non ne vuole sapere di smettere. Ho provato a lasciarlo piangere ma poi devo cedere per non svegliare tutta la famiglia. Il bimbo va all'asilo tranquillamente dalle 8 alle 16 e quando non ci sono si addormenta da solo e non crea problemi. Mio marito non collabora molto per far finire la cosa e io sono stanca. Più passa il tempo e più mi sembra difficile. Cosa posso fare? Grazie
Risposta del 26 febbraio 2005

Risposta di BARBARA SANGIORGI


Per il bambino è un grande piacere l'esperienza dell'allattamento anche se in realtà mi sembra che a quest'età sia forse troppo protatto. Lei afferma che il bambino va tranquillamente all'asilo ritengo quindi che possa serenamente parlargli, a quest'età il linguaggio è ben compreso e, senza farlo piangere, accettando i tempi che occorreranno, senza fretta, gli spieghi i vantaggi dell'essere grandi. Gli parli molto, gli spieghi e sia ferma nella sua determinazione a interrompere l'allattamento. I mariti hanno difficoltà a collaborare in queste esperienze che si svolgono tra madre e figlio. Potrebbe coinvolgere anche lui mettendo in evidenza le potenzialità del rapporto padre figlio una volta che lei sia riuscita in questo difficile distacco.

Dott.ssa barbara Sangiorgi
Casa di cura privata
Specialista attività privata
RIOLO TERME (RA)



Il profilo di BARBARA SANGIORGI
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Mente e cervello



Potrebbe interessarti
Comunicare è il verbo chiave di questi tempi social
Mente e cervello
01 luglio 2018
Libri e pubblicazioni
Comunicare è il verbo chiave di questi tempi social
La diversità potente
Mente e cervello
24 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
La diversità potente
Cefalea
Mente e cervello
18 giugno 2018
Patologie
Cefalea