20/01/05  - Astenozoospermia, terozoospermia e allergie - Salute maschile

20 gennaio 2005

Astenozoospermia, terozoospermia e allergie




Domanda del 20 gennaio 2005

Domanda


Nel mese di aprile mia moglie ha avuto un aborto spontaneo alla 10^ settimana. Successivamente abbiamo cercato nuovamente un figlio, ma non ci stiamo riuscendo. Da marzo io sono soggetto ad una forma allergica di cui non si riesce ad individuare le cause, ma che provoca un valore di IgG molto alto (da 1600 fin oltre 2000). Ho eseguito uno spermiogramma coi seguenti risultati: Astinenza 3gg. Volume 3,2 mL Coaguli presenti Tempo di fluidificazione 20 minuti pH 8.0 Colore Giallastro Viscosità Normale Lunghezza filamento 0 Cm Numero spermatozoi 15.0 Mln/mL Numero spermatozoi nell'eiaculato 48 mln Motilità: progr. rettilinea a 60 min. 18% progr. non rettilinea a 60 min. 30% progr. totale 48% "in situ" a 60 min. 10% Immobili a 60 min 42% Motilità totale a 60 min. 58% progr. rettilinea a 120 min. 10% progr. non rettilinea a 60 min. 22% "in situ" a 120 min. 8% Immobili a 120 min 60% Motilità totale a 120 min. 40% Cellule dello sperma: Cellule rotonde 1,05 mln/mL Leucociti 714 migliaia/mL Vitalità 89% Morfologia Spermatozoi: Forme normali 16% Forme patologiche 84% Mi sono state quindi diagnosticate astenozoospermia e teratozoospermia. I valroi di IgG o in generale i medicinali a base di chetotifene ed antistaminici che sto assumendo possono influire su questa diagnosi? L'aborto di mia moglie può essere correlato alla teratospermia? Che giudizio può dare sulla mia fertilità e quali approfondimenti o cure eventualmente si sente di suggerirmi? grazie molte
Risposta del 23 gennaio 2005

Risposta di GIOVANNI BERETTA


Il suo spermiogramma mette in rilievo anche una oligozoospermia ,cioè un numero di spermatozoi inferiore ai 20 milioni per ml. L'uso di antinfiammatori e antiistaminici ,la presenza di una allergopatia con aumento delle IgG possono determinare alcune variazioni dei parametri seminali. Nel suo caso diventa difficile un giudizio complessivo perchè non abbiamo a disposizione alcuni dati clinici importanti che possono essere ottenuti solamente da un esame clinico diretto . Le consiglio di eseguire una completa valutazione ormonale ( FSH, LH, testosterone, prolattina , 17 beta estradiolo) e una ecografia dell'apparato uro-seminale in toto. Con queste indagini consulti un andrologo. Cordiali saluti. Dr Giovanni Beretta andrologo urologo.

Dott. Giovanni Beretta
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
FIRENZE (FI)



Il profilo di GIOVANNI BERETTA
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Salute maschile



Potrebbe interessarti
Attività fisica e calo del testosterone
Salute maschile
29 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Attività fisica e calo del testosterone
Tumori maschili, dieci regole per prevenirli
Salute maschile
17 marzo 2018
Notizie e aggiornamenti
Tumori maschili, dieci regole per prevenirli