17/02/05  - Calcolosi ed ureterorenoscopia - Salute maschile

17 febbraio 2005

Calcolosi ed ureterorenoscopia




Domanda del 17 febbraio 2005

Domanda


Dal 15 al 25 Dicembre 2004 ho avuto 9 coliche al rene sx, dove da circa 4 anni sapevo di avere un calcolo NON radiopaco di circa 5/6 mm, posizionato in un calice inferiore. Nel corso di questi anni i 2 urologi che ho consultato mi avevano sconsigliato il "bombardamento" vista la posizione e mi avevano detto che difficilmente si sarebbe spostato. Invece in Dicembre il calcolo è uscito dal rene e si è incanalato nell'uretere. Dal 25 Dicembre ad oggi non ho avuto altre coliche e circa una settimana fa mi sono sottosposto ad una TAC specifica che ha evidenziato una modestissima dilatazione del rene sx e la presenza del famoso calcolo di 5/6 mm nel tratto vicino al rene (prossimale?). L'urologo che mi sta seguendo ora (di cui mi fido molto) mi ha detto che non ho molte possibilità di espellerlo spontaneamente, essendo in quella posizione da diverse settimane, quindi avrebbe suggerito un'ureterorenoscopia per risolvere il problema. Mi ha anche detto che non esiste particolare fretta e potrei aspettare anche 40 giorni per intervenire perchè per lui non ci sono rischi imminenti. Vorrei sapere cosa ne pensate Voi del tipo di intervento e se, visto che tra circa 45 giorni mi devo recare in vacanza per 10 giorni in Sudamerica, nel caso debba intervenire mi conviene farlo subito o rischiare andando in viaggio ed intervenendo tra circa 2 mesi, sperando che nel frattempo sia sceso un pò. Scusate la lunghezza della mia domanda, ma vorrei essere preciso perchè il mio dubbio è forte, visto che so che l'ureterorenoscopia, oltre ad ever un decosro doloroso, non è frequentemente utilizzata per calcolosi nell'uretere prossimale, vista la lunghezza del percorso da seguire con lo strumento. In attesa di una Vs. cortese risposta, porgo cordiali saluti.
Risposta del 20 febbraio 2005

Risposta di GINO MONTALCINI


Sicuramente non posso giudicare sull'urgenza dell'intervento, ma non andrei in sudamerica senza prima la risoluzione del problema


Dott. Gino Montalcini
Specialista in Nefrologia
Specialista in Urologia
Casa di cura privata
ASTI (AT)



Il profilo di GINO MONTALCINI
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Salute maschile



Potrebbe interessarti
Attività fisica e calo del testosterone
Salute maschile
29 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Attività fisica e calo del testosterone
Tumori maschili, dieci regole per prevenirli
Salute maschile
17 marzo 2018
Notizie e aggiornamenti
Tumori maschili, dieci regole per prevenirli