07/05/15  - Cattiva respirazione dopo rinoplastica - Chirurgia estetica

07 maggio 2015

Cattiva respirazione dopo rinoplastica




Domanda del 07 maggio 2015

Domanda


Salve, scrivo perché ho un problema per quanto riguarda la respirazione. Ad Ottobre 2013 mi sono sottoposta a un intervento di rinoplastica solo per una mera questione estetica visto che non ho mai avuto problemi di respirazione prima di allora. Nei mesi successivi all'intervento avevo il naso completamente attappato e gonfio che poco a poco si è "stappato". Ma non completamente. A distanza di un anno e mezzo spesso ho una o entrambe le narici attappate (soprattutto se fa caldo), il naso mi gocciola all'improvviso e soprattutto russo la notte e ho in generale il respiro pesante (prima dell'operazione non avevo nessuno di questi problemi). Quanto ancora dovrò aspettare per poter respirare bene? Potrò risolvere il problema oppure ormai sono destinata a rimanere così? Sono molto afflitta perché ho risolto il problema estetico ma ho peggiorato il resto.
Grazie per la disponibilità a chiunque mi risponderà.
Risposta del 21 dicembre 2015

Risposta di ALBERTO CAPRETTI


Le consiglio di eseguire una rinomanometria in modo da capire insieme ad una visita specialistica il suo problema.
Cordiali saluti



Dott. Alberto Capretti
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia plastica ricostruttiva
MILANO (MI)

Il profilo di ALBERTO CAPRETTI
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Chirurgia estetica



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     


Patologie



Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Ustioni
Chirurgia estetica
29 agosto 2017
Patologie
Ustioni
Labbra rifatte: ecco come preservare l'aspetto naturale
Chirurgia estetica
26 aprile 2017
Notizie e aggiornamenti
Labbra rifatte: ecco come preservare l'aspetto naturale
Cosmetici: meglio quelli “chemical free”
Chirurgia estetica
18 marzo 2016
Notizie e aggiornamenti
Cosmetici: meglio quelli “chemical free”