15/07/02  - Colite spastica o altro? - Stomaco e intestino

15 luglio 2002

Colite spastica o altro?




Domanda del 15 luglio 2002

Domanda


salve, complimenti per la rubrica, volevo chiederle informazioni su un problema che e' ormai diventato assolutamente invalidante, tanto da non permettermi di andare a lavoro. tenga conto che fin'ora nessuno specialista mi ha saputo dare risposta. il problema nasce e persiste da un dolore forte, che si alternava con un dolore sordo ma presente, nella parte addominale destra (zona appendicolare, per capirci), che si irradiava sulla gamba destra e si sentiva anche nella parte destra della schiena. fatte tutte le analisi del caso (ves, proteina c reattiva, emocromo con formula, clisma opaco, gastroscopia, ricerca sangue occulto nelle feci, radiografia al colon, ecografia addome etc), tutte negative escluso un debolmente positivo per il sangue occulto e un esofagite da reflusso che ho curato con omeprazolo. a questo si sono accompagnati rossori e aumento del battito cardiaco quando mangiavo qualcosa di piu pesante o alcolici, afte e brufoli (mai sofferto prima). Passati circa sei mesi di convivenza con questo dolore sordo ma presente (che ogni tanto mi ricorda di non essere andato in pensione) ... da un po' sono cominciati problemi annessi (o forse no?) molto peggiori. tachicardie con sudorazioni forti, astenia forte (ora invalidante) con mal di testa, bruciore agli occhi, forti cali di pressione improvvisi. quello che si definiscono sintomi generici non specifici! Le ultime analisi del sangue, del luglio 2002, dipingono un quadro clinico normale: ves a posto, azotemia, glicemia etc a postissimo, emocromo con emoglobina bassa (a 12, ma globuli rossi aumentati di numero, sono portatore sano di microcitemia) ma a postissimo nei globuli bianchi, ferritina e siderimia ok, foresi proteica perfetta. Ho fatto tutte le visite specialistiche del caso: cardiologica (cuore super ok), allergologiche (nessuna intolleranza alimentare), otorinolaringoiatriche (ok), epatologo (steatosi epatica, ma "niente di grave"), analisi per tutte le malattie infettive (niente). ora penso di tornare all'attacco con una colonscopia (mai fatta), ricerca batteriologica nelle feci, magari una tac all'addome... lei cosa ne pensa? mi darebbe un suo parere o un consiglio? la ringrazio molto per l'attenzione aa
Risposta del 15 luglio 2002

Risposta di ANTONIO MARRAFFA


La prima risposta da dare in casi come questo contiene una domanda:si tratta sicuramente di un dolore di competenza gastroenterologica,cioè connesso con l'apparato digerente?Potrebbe non esserlo.Nel senso che un dolore così aspecifico(e in assenza di patologie conclamate date le indagini da lei effettuate)non può da solo fare pervenire ad una diagnosi.Non si evince,peraltro ,da quello che dice ,se è stato consultato un Gastroenterologo;dalla visita lo specialista può confermare o meno un eventuale problema gastroenterico.Nella gran parte dei casi come questo,però,anche il curante può accertare o meno la presenza di patologie intestinali.Un ultimo consiglio:non torni all'attacco con indagini poco mirate(in Medicina il metodo clinico è importante).Si rivolga con fiducia ai medici.Cordiali saluti e grazie per i complimenti.

Dott. ANTONIO MARRAFFA
Medicina generale convenz.
Specialista attività privata



Il profilo di ANTONIO MARRAFFA
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Stomaco e intestino



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     


Patologie



Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Mal di viaggio: sintomi e rimedi
Stomaco e intestino
03 luglio 2018
Notizie e aggiornamenti
Mal di viaggio: sintomi e rimedi
Gonfiore e distensione addominale: conosciamo causa e trattamento
Stomaco e intestino
19 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Gonfiore e distensione addominale: conosciamo causa e trattamento
Sindrome dell'intestino irritabile: un aiuto dai probiotici
Stomaco e intestino
21 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Sindrome dell'intestino irritabile: un aiuto dai probiotici