22/02/05  - Cuffia dei rotatori - Scheletro e Articolazioni

22 febbraio 2005

Cuffia dei rotatori




Domanda del 22 febbraio 2005

Domanda


Egr. Dott. ,
sciando sono caduto accidentalmente con il braccio teso in avanti procurandomi una forte lesione alla musculatura della spalla destra ( questo è successo alla mattina e poi ho continuato seppur con dolore alla spalla a sciare fino a sera , premetto che il braccio riuscivo a muoverlo in avanti e un indietro ma neanche un po lateralmente ). Subito la sera stessa mi sono recato in opedale per i raggi dove mi hanno diagnosticato che non ci sono fratture e mi hanno prescritto braccio al collo per 7 gg. ,aulin e una risonanza magnetica alla spalla presumando che ci sia una contusione o rottura o micro fratture alla cuffia dei rotatori . Dovendo aspettare circa 2 settimane per la risonanza ed essendo uno sportivo ( tennis e palestra ) volevo chiederLe se secondo Lei visto che non ho un fortissimo dolore , visto che sono riuscito a sciare seppur con il dolore fino a sera ( oggi è il secondo gg. dopo l'accaduto ) e che il braccio tuttore lo alzo lateralmente non a formare 90 gradi con il busto ma un pochino di più di ieri se effetivamente c'è un lesione o mirco fratture o solo una forte contusione della cuffia dei rotatori . MI scusi se mi sono dilungato , in attesa di una sua gentle risposta , cordiali saluti
dante .

La domanda è in attesa di risposta.
Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Scheletro e Articolazioni



Potrebbe interessarti
Benefici dello sport sul tessuto osseo
Scheletro e articolazioni
16 luglio 2018
Notizie e aggiornamenti
Benefici dello sport sul tessuto osseo
Amenorrea da sottopeso nelle giovani atlete. È rischio osteoporosi
Scheletro e articolazioni
21 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Amenorrea da sottopeso nelle giovani atlete. È rischio osteoporosi
Gotta, una nuova terapia per una malattia dei nostri giorni
Scheletro e articolazioni
26 aprile 2018
Notizie e aggiornamenti
Gotta, una nuova terapia per una malattia dei nostri giorni