07/09/04  - Eiaculazione precoce e sue conseguenze - Salute maschile

07 settembre 2004

Eiaculazione precoce e sue conseguenze




Domanda del 07 settembre 2004

Domanda


ho sentito che soffrire di eiaculazione precoce comporta dei problemi non solo nella pratica di un rapporto ma provoca anche dei problemi fisici nel momento in cui sono costretto, nell'evitare di raggiungere subito l'orgasmo, a ritardare l'eiaculazione: quali prostatite, dolori basso ventre, nell'urinare ecc. e' vero? posso fare qualcosa ? sono conseguenze gravi? che cura posso intraprendere. grazie.
adriano .m.
Risposta del 10 settembre 2004

Risposta di GINO MONTALCINI


intanto bisogna intendersi sul termine eiaculazione precoce, perchè per alcuni è legato alla difficoltà a raggiungere un piacere di coppia legato a un'infinità di altri problemi.
L'eiaculazione precoce a parte i problemi psico fisici del rapporto non causa altre conseguenze ma anzi spesso è la conseguenza di patologie descritte nella domanda quali la prostatite: cioè l'eiaculazione precoce non causa prostatite ma la prostatite causa eiaculazione precoce.

Dott. Gino Montalcini
Casa di cura privata



Il profilo di GINO MONTALCINI
Risposta del 10 settembre 2004

Risposta di GIUSEPPE MAIO


L'ejaculazione precoce comporta conseguenze sulla soddisfazione della coppia ma non comporta alcuna conseguenza sugli organi genito-urinari fatto salvo ovviamente che le pratiche per ritardare l'ejaculazione non comportino traumatismi all'uretra o al pene.

Dott. GIUSEPPE MAIO
Casa di cura convenzionata
ABANO TERME (PD)



Il profilo di GIUSEPPE MAIO
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Salute maschile



Potrebbe interessarti
Attività fisica e calo del testosterone
Salute maschile
29 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Attività fisica e calo del testosterone
Tumori maschili, dieci regole per prevenirli
Salute maschile
17 marzo 2018
Notizie e aggiornamenti
Tumori maschili, dieci regole per prevenirli