07/08/04  - Epatite a e b - Malattie infettive

07 agosto 2004

Epatite a e b




Domanda del 07 agosto 2004

Domanda


a mio padre hanno diagnosticato con degli esami specifici le epatiti a e b, la mia domanda è : può già avercele trasmesse??? in che modo possiamo evitare questo contagio?? grazie del vostro aiuto annarita
Risposta del 11 agosto 2004

Risposta di DOMENICO FERDINANDO FILOMIA


Le modalità di trasmissione dei due tipi di Epatite sono diverse. Il virus "A" si trasmette per via orale mentre il virus "B" per via parenterale (ossia attraverso il sangue ed altri liquidi biologici). Il rischio di trasmettere l' Epatite "A" è legato pertanto alla presenza diretta del virus nell'organismo..................... nella sua domanda lei non indica se suo padre presenta gli anticorpi dell'infezione oppure al contrario gli antigeni dei due virus, ho bisogno di maggiori informazioni al riguardo.
Per quanto riguarda la domanda "come si può prevenire il contagio" ......... a parte l'osservazione delle comuni norme igieniche le consiglio, se suo padre presenta positività per gli antigeni virali, un ciclo di vaccinazioni sia per l' Epatite "A" che per la "B".


Cordialità

Dott. Domenico Ferdinando Filomia
Medico Ospedaliero
CASTROVILLARI (CS)



Il profilo di DOMENICO FERDINANDO FILOMIA
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Malattie infettive



Potrebbe interessarti
Contrasto all’antibiotico-resistenza: usare gli antibiotici solo quando servono.
Malattie infettive
26 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Contrasto all’antibiotico-resistenza: usare gli antibiotici solo quando servono.
Micosi delle unghie dei piedi: cosa fare per combatterla
Malattie infettive
22 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Micosi delle unghie dei piedi: cosa fare per combatterla
Con l'HIV non si scherza. La campagna del Ministero della Salute
Malattie infettive
14 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Con l'HIV non si scherza. La campagna del Ministero della Salute