07/02/05  - Ernia inguinale destra - Cuore circolazione e malattie del sangue

07 febbraio 2005

Ernia inguinale destra




Domanda del 07 febbraio 2005

Domanda


salve,sono stato operato circa otto mesi fa'di ernia inguinale destra con anestesia peridurale.dopo l'intervento era tutto a posto . dopo circa 15 giorni ho iniziato a camminare ed avevo la gamba destra perennemente indolenzita. Sono passati otto mesi e la ferita continua a darmi fastidio tipo un prurito che non riesco a grattarmi o addiritura a seconda la posizione che assumo sento delle fitte come se mi traffiggessero con un pugnale. Puo' essere dovuto ad un operazione malriuscita? puo' essere dovuto a qualche sforzo fatto prima del tempo? puo' essere che il mio corpo si deve ancora assestare all'operazione? Che devo fare?
Risposta del 11 febbraio 2005

Risposta di ANGELO FORTI


La tecnica chirurgica nel trattamento delle ernie inguinali si avvale da diversi anni dell'impianto di efficaci materiali protesici non riassorbibili e biologicamente ben tollerati (le cosiddette reti o mesh) sia negli interventi eseguiti con accesso tradizionale che in quelli con accesso laparoscopico (interventi effettuati attraverso piccole ferite addominali e con l'ausilio di un sistema videottico). In entrambe le procedure si utilizzano protesi collaudate di diversa fattura e dimensioni. Può purtroppo accadere di rilevare la comparsa, nell'immediato periodo postoperatorio, di una fastidiosa dolenzia in corrispondenza od in prossimità della ferita (nella regione pubica e/o inguino-crurale) che con il passare dei giorni e con l'attenuarsi del dolore lascia il campo a disturbi altrettanto spiacevoli che vengono identificati con il termine di "parestesie" (sensazione bruciore, di puntura, ipersensibilità, insensibilità, formicolii). In una piccola percentuale di casi questi disturbi non si attenuano con il tempo diventando motivo di ripetute visite di controllo presso gli ambulatori. La causa di questa patologia post-operatoria viene spesso attribuita all'irritazione di piccoli nervi che attraversano la regione inguinale (parestesia temporanea), al loro intrappolamento nella reazione cicatriziale sollecitata dalla protesi (parestesia cronica) o dai mezzi di fissazione della stessa. In altri casi è la tensione della rete a determinare fastidi nei movimenti (specie nel passaggio dalla posizione distesa a quella eretta). Allorchè i disturbi diventino duraturi e non accennino ad attenuarsi si può ricorrere alla revisione della ferita ed al riposizionamento della protesi. Valuti con il suo medico se il suo caso possa annoverarsi tra quelli che Le ho descritto. Saluti.

Dott. Angelo Forti
Specialista in Chirurgia generale
Medico Ospedaliero
CIVITAVECCHIA (RM)



Il profilo di ANGELO FORTI
Risposta del 21 febbraio 2005

Risposta di GIOVANNI PETRACCA


Ho letto la risposta data dal collega di civitavecchi e ne convengo pienamente. In bocca al lupo!"

Dott. Giovanni Petracca
Specialista in Chirurgia apparato digerente
Medico Ospedaliero



Il profilo di GIOVANNI PETRACCA
Risposta del 22 febbraio 2005

Risposta di CARLO FILIPPI


CONCORDO CON LE RISPOSTE DEI COLLEGHI E PROCEDERIE AD UNA REVISIONE CHIRURGICA DELLA FERITA

Dott. Carlo Filippi
Specialista in Chirurgia apparato digerente
Casa di cura convenzionata



Il profilo di CARLO FILIPPI
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Cuore circolazione e malattie del sangue



Potrebbe interessarti
Aritmie. Cosa sono e come riconoscerle
Cuore circolazione e malattie del sangue
18 luglio 2018
Notizie e aggiornamenti
Aritmie. Cosa sono e come riconoscerle
Integratori efficaci nella riduzione del colesterolo
Cuore circolazione e malattie del sangue
27 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Integratori efficaci nella riduzione del colesterolo
Infarto. Riconoscerlo nelle donne
Cuore circolazione e malattie del sangue
13 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Infarto. Riconoscerlo nelle donne