24/06/15  - Fiato corto - Cuore circolazione e malattie del sangue

24 giugno 2015

Fiato corto




Domanda del 24 giugno 2015

Domanda


Da dieci giorni a questa parte soffro di una forte oppressione al petto (non continua) alla quale si associa respiro corto e senso di soffocamento. Sono andata dal medico, dice che non è un problema polmonare, le vie aeree sono libere e non ci sono problemi, l'elettrocardiogramma non ha evidenziato nulla e le analisi del sangue non mostrano nulla, anzi il medico si è anche complimentato perchè avevo tutto nella norma. dopo tutto ciò mi è stato detto che probabilmente il mio è un problema psicologico ossia attacchi d'Ansia. Effettivamente il problema non è continuo ma si presenta a inizio o fine giornata, in più anche andando in palestra non ho riscontrato problemi durante l'allenamento. é possibile che ci sia qualche altro fattore che il medico non ha tenuto in considerazione? Grazie per l'eventuale risposta.
Risposta del 24 giugno 2015

Risposta di ALBERTO TITTOBELLO


Credo che il suo medico abbia fatto una diagnosi corretta. Lei è giovane e sana. Provi a fare mente locale, non crede anche lei che si tratta di un periodo di Ansia?


Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)

Il profilo di ALBERTO TITTOBELLO
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Cuore circolazione e malattie del sangue



Potrebbe interessarti
Aritmie. Cosa sono e come riconoscerle
Cuore circolazione e malattie del sangue
18 luglio 2018
Notizie e aggiornamenti
Aritmie. Cosa sono e come riconoscerle
Integratori efficaci nella riduzione del colesterolo
Cuore circolazione e malattie del sangue
27 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Integratori efficaci nella riduzione del colesterolo
Infarto. Riconoscerlo nelle donne
Cuore circolazione e malattie del sangue
13 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Infarto. Riconoscerlo nelle donne