05/02/05  - Mancanza di orientamento - Mente e cervello

05 febbraio 2005

Mancanza di orientamento




Domanda del 05 febbraio 2005

Domanda


Gentili Dottori,
sono una ragazza di 22 anni che non accusa nessun problema psichiatrico o neurologico. Ho un disturbo che, però, mi mette un po' a disagio. Non ricordo strade che percorro anche da anni, mi perdo facilmente, specie se il tragitto è lungo. Per i tragitti molto brevi non ho problemi. A volte mi capita di conoscere perfettamente la strada per andare in un luogo, ma non so tornare indietro..! Noto che il disturbo a volte è più marcato, a volte meno, ma in ogni caso faccio fatica a ricordare le strade. Non soffro di Ansia , non soffro di Depressione e sento poco lo stress, vivo una vita normalissima, studio e programmo applicazioni web...non faccio uso di nessuna sostanza, non bevo e non fumo. Non so spiegarmi da cosa mi derivi il disturbo che ormai ho da anni, forse da sempre. Una volta andai all'università e non sapevo più come tornare a casa...tornai dopo un'ora chiedendo ai passanti di indicarmi un bar vicino casa. A volte sono costretta a percorrere strade più lunghe...magari il percorso automobilistico...pur andando a piedi. Questa sera sono terrorizzata...perché devo andare a casa di un amico per il suo compleanno e non ricordo la strada (che percorro con un'amica da anni ed anni, ma da sola non ho mai percorso). Mi vergogno a dire "non ricordo la strada"! Come si chiama questo disturbo? Labirintite ? Come si cura? E' genetico? Grazie!
La domanda è in attesa di risposta.
Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Mente e cervello



Potrebbe interessarti
Il dolce far niente
Mente e cervello
22 luglio 2018
Libri e pubblicazioni
Il dolce far niente
Comunicare è il verbo chiave di questi tempi social
Mente e cervello
01 luglio 2018
Libri e pubblicazioni
Comunicare è il verbo chiave di questi tempi social
La diversità potente
Mente e cervello
24 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
La diversità potente