22/09/04  - Paranoie - Mente e cervello

22 settembre 2004

Paranoie




Domanda del 22 settembre 2004

Domanda


Di recente una persona a me cara (55 anni, donna) ha preso a soffrise di paranoie. Ha paura di tutti e crede che esista un complotto contro di lei. Non si lascia avvicinare da nessuno e crede che vengano persone a molestarla. Abbiamo contattato un centro neurologico ma dopo 2 settimane non si trovano migliorameti. Non si riesce a convingerla a prendere i medicinali che i medici le hanno prescritto, e, questi, ritengono che non vi siano gli estremi per un ricovero. La mia domanda è: esiste un comportamento nei confronti di questa persona, che possa permettere di conquistare la sua fiducia e, quindi, aiutarla a uscire da questa situazione? Spero di essere stato sufficientemente chiaro e ringrazio anticipatamente per la risposta.
Risposta del 07 ottobre 2004

Risposta di GIULIA MARIA D'AMBROSIO


No, non esiste alcun comportamento che la possa convincere a ragionare. Solo con tanta pazienza e affetto e moltissima determinazione si può forse condurla a prendere le medicine. Tenga presente che se la prescrizione è di alloperidolo (Serenase), è possibile che venga somministrato sotto forma di iniezione mensile, invece che di gocce pluriquotidiane. Se potesse convincerla a farsi iniettare la prima dose, non dovrebbe poi essere difficile instaurare un dialogo sufficiente a convincerla a farsi accompagnare ogni mese per la terapia. Auguri!

Dott.ssa Giulia Maria D'Ambrosio
Specialista attività privata
MILANO (MI)



Il profilo di GIULIA MARIA D'AMBROSIO
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Mente e cervello



Potrebbe interessarti
Comunicare è il verbo chiave di questi tempi social
Mente e cervello
01 luglio 2018
Libri e pubblicazioni
Comunicare è il verbo chiave di questi tempi social
La diversità potente
Mente e cervello
24 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
La diversità potente
Cefalea
Mente e cervello
18 giugno 2018
Patologie
Cefalea