30/05/08  - Rottura tendine mano dx - Scheletro e Articolazioni

30 maggio 2008

Rottura tendine mano dx




Domanda del 30 maggio 2008

Domanda


Buongiorno, qualche giorno fa ho subito la rottura del tendine del 3° dito della mano dx al livello della II e III falange causata da una lama (l'osso è illeso). In pronto soccorso mi hanno congiunto il tendine, saturato la ferita e immobilizzato il dito interessato con 2stecche+fasciatura. Mi hanno detto di tenerla 30g durante i quali (ogni 7g) mi effettueranno una visita ortopedica+medicazione. Inizialmente avevano parlato di amputazione... Che rischi corro se il tendine non si riabilita completamente,posso subire un'invalidità permanente?posso essere soggetto a un'operazione?cosa posso fare per incoraggiare una migliore guarigione?devo evitare qualsiasi movimento della mano? Inoltre ho letto che 30g non sono sufficienti e si consiglia di tenere il tutore almeno per 60,ma per effettuare le medicazioni dovranno togliermelo!?!
Risposta del 06 giugno 2008

Risposta di PASQUALE PRISCO


Dovrebbe specificare se si tratta di un tendine flessore od estensore, o più semplicemente se il taglio interessa il dorso o il palmo della mano.
Sono sufficienti 4 settimane.
Saluti

Dott. Pasquale Prisco
Specialista in Ortopedia e traumatologia
TORRE ANNUNZIATA (NA)



Il profilo di PASQUALE PRISCO
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Scheletro e Articolazioni



Potrebbe interessarti
Benefici dello sport sul tessuto osseo
Scheletro e articolazioni
16 luglio 2018
Notizie e aggiornamenti
Benefici dello sport sul tessuto osseo
Amenorrea da sottopeso nelle giovani atlete. È rischio osteoporosi
Scheletro e articolazioni
21 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Amenorrea da sottopeso nelle giovani atlete. È rischio osteoporosi
Gotta, una nuova terapia per una malattia dei nostri giorni
Scheletro e articolazioni
26 aprile 2018
Notizie e aggiornamenti
Gotta, una nuova terapia per una malattia dei nostri giorni