29/08/04  - Trattenere l'eiaculazione fa male? - Malattie infettive

29 agosto 2004

Trattenere l'eiaculazione fa male?




Domanda del 29 agosto 2004

Domanda


Buongiorno dottore, Godo di buona salute, non ho avuto nessuna malattia particolare e ho subito nel '97 un semplice intervento di orchiopessi al testicolo dx perché aveva il dotto troppo lungo. Per ragioni di ordine personale vorrei avere la possibilità di una vita sessuale regolare (un rapporto o un atto masturbatorio ogni 2 gg) 'trattenendo' l'eiaculazione (parzialmente) tramite la contrazione del muscolo pubococcigeo. Fin'ora, però, ho sempre preferito evitare di usare questa tecnica più di una volta al mese per timore di provocare infiammazioni o cisti o altro. Mi capita, se esagero nell'attività sessuale, di avere il testicolo destro lievemente dolente. Volevo chiedere a lei se gentilmente mi può dare il suo parere riguardo a: 1. contrarre il muscolo pubococc. e ridurre la fuoriuscita di liquido seminale una volta ogni tanto comporta dei rischi? 2. usare questa tecnica ogni giorno? 3. quali sono i sintomi allarmanti per i quali consultare il medico? Oppure, in alternativa, se mi può gentilmente indicare delle risorse in rete dove cercare di capire qualcosa dell'eiaculazione per valutare con quanta frequenza si possa utilizzare la tecnica della contrazione per ridurre l'eiaculazione senza rischio di infiammazioni. Cordiali saluti e complimenti a tutto lo staff di Dica33 Yuri
Risposta del 07 settembre 2004

Risposta di ETTORE CAROPPO


Nei soggetti che dichiarano di trattenere l'eiaculazione, anche saltuariamente, si rileva spesso la presenza di prostatite. Tale pratica può produrre, inoltre, un abnorme ristagno di urina, con conseguenti infezioni delle vie urinarie.
I sintomi per i quali consultare il medico sono:

- minzione difficoltosa o dolorosa
- alterazione dell'odore e delle caratteristiche fisiche del liquido seminale
- dolori al basso ventre

Se il testicolo destro è dolente può essere affetto da epididimite (infiammazione dell'epididimo). In tal caso è bene eseguire uno spermiogramma ed una spermiocoltura con ricerca di chlamydia trachomatis e micoplasmi urogenitali, ai fini di una eventuale terapia antibiotica / antiinfiammatoria

Cordiali saluti




Dott. Ettore Caroppo
Medico Ospedaliero
CASTELLANA GROTTE (BA)



Il profilo di ETTORE CAROPPO
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Malattie infettive



Potrebbe interessarti
Vacanze all’estero: attenzione alle zanzare
Malattie infettive
19 luglio 2018
Notizie e aggiornamenti
Vacanze all’estero: attenzione alle zanzare
Contrasto all’antibiotico-resistenza: usare gli antibiotici solo quando servono.
Malattie infettive
26 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Contrasto all’antibiotico-resistenza: usare gli antibiotici solo quando servono.
Micosi delle unghie dei piedi: cosa fare per combatterla
Malattie infettive
22 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Micosi delle unghie dei piedi: cosa fare per combatterla