Adenocarcinoma gastrico con metastasi

04 dicembre 2015

Adenocarcinoma gastrico con metastasi


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


02 dicembre 2015

Adenocarcinoma gastrico con metastasi

Buonasera le scrivo per alcune delucidazioni: mia moglie si è sottoposta a gastroscopia a novembre 2012 con risultato di gastrite atrofica elicobatteri poi eliminato. Nel aprile 2014 dopo dolori ancora una volta forti e feci nere si sottopone a gastroscopia risultato adenocarcinoma gastrico scarsamente differenziato di 4 cm metastasi ai linfonodi epatici e ovaia di 8 cm, sottoposta a intervento chirurgico resezione di meta stomaco tolta metastasi ovaia e linfonodi, viene sottoposta a chemio 4 cicli in totale, 2 diversi da altri perchè il tumore avanza e a settembre a metastasi diffuse alla colonna, e dolori fortissimi, a ottobre metastasi al bacino e al midollo piastrine che il 21 ottobre arrivano a 5000 ricoverata si scopre emorraggia subdurale di 0, 5 cm dopo 2 giorni sottoposta a trasfusioni di piastrine nuova tac emorragia in assorbimento ma se ne apre un'altra di stesse dimensioni all altra lato, 24 ottobre, il 28 a mattina mia moglie muore senza aver tentato un intervento alla testa e niente solo trasfussioni di piastrine le mie domande: puo svilupparsi un tumore cosi avanzato in 17 mesi e 2 perche non si e tentato l'intervento alla testa, 3 la mattina che è morta alle 6, 30 aveva le mani nere e pressione 80 40 io ho dovuto fargli mettere l'ossigeno nessun dottore e venuto fino alle 8 e solo morfina mettevano alle 8, 30 arriva l'oncologa lei ancora parzialmente cosciente la pressione non si riesce piu a rilevare viene sedata e da li alle 15, 30 muore solo dopo sedata vengono messi farmaci per il cuore la mia domanda e se fossero intervenuti prima poteva superare la crisi e la sedazione ha anticipato la morte?

mi scusi per le tante domande ma aveva solo 37 anni

cordiali saluti

Risposta del 04 dicembre 2015

Risposta a cura di:
Prof. ALBERTO TITTOBELLO


Capisco il suo dolore e anche perché lei non riesca a darsi pace. Ma purtroppo non si tratta di " tante " domande, ma di domande alle quali non sono in grado di rispondere. Una volta che il tumore si era formato e aveva sviluppato metastasi, la situazione era già drammatica, infatti non ha risentito della chemioterapia. Per quanto riguarda la prima domanda, sì, è possibile che il tumore si sviluppi in 17 mesi.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)

Ultime risposte di Stomaco e intestino

Tags:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
La stipsi nel paziente cronico
Stomaco e intestino
30 marzo 2021
Sintomi
La stipsi nel paziente cronico
Infezioni correlate all’assistenza, al via la campagna #ALLEAMICI
Stomaco e intestino
22 dicembre 2020
Notizie e aggiornamenti
Infezioni correlate all’assistenza, al via la campagna #ALLEAMICI