Agenesia vasto laterale coscia

15 settembre 2008

Agenesia vasto laterale coscia


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


10 settembre 2008

Agenesia vasto laterale coscia

mia figlia di 19 anni ha dalla nascita questo problema che non gli ha mai creato problemi motori: danza, nuoto e addesso tennis, il problema è che nel punto dove si inserisce il tendine vicino al ginocchio c'è un bucco e sopra una piegha di muscolo o tessuto, sotto il ginocchio la gamba ha un'aspetto irregolare, la pelle spessa e peluria abbondante, per la prima volta lei si lamente perchè avendo bellissime gambe questo diffetto è molto evidente. Vorrei sapere che specialista devo conttatare e molto serenamente cercare di risolvere il problema se soluzione c'è. grazie!!!!

Risposta del 15 settembre 2008

Risposta a cura di:
Dott. TOMMASO SAVOIA


Gentile sginora
lo specialista indicato nel suo caso è il chirurgo plastico.
se il difetto è come lei scrive un'agenesia del muscolo vasto laterale si può trattare il difetto dal punto di vista estetico e non funzionale, ovvero rimpire la Depressione m eidante una lipostruttura che consiste nel prelevare il tessuto adiposo mediante miniliposuzione e reiniettare nella zona depressa dellagamba il tessuto adiposo filtrato come rimepitivo e vettore di cellule staminali.
possono essere necessarie più di una seduta.
cordaili saluti

Dott. Tommaso Vito Savoia
Casa di cura convenzionata
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia plastica ricostruttiva
SESTO SAN GIOVANNI (MI)

Ultime risposte di Chirurgia estetica

Tags:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
L’autostima non è solo questione di rughe
Chirurgia estetica
25 maggio 2020
Notizie e aggiornamenti
L’autostima non è solo questione di rughe
Labbra rifatte: ecco come preservare l'aspetto naturale
Chirurgia estetica
26 aprile 2017
Notizie e aggiornamenti
Labbra rifatte: ecco come preservare l'aspetto naturale
Cosmetici: meglio quelli “chemical free”
Chirurgia estetica
18 marzo 2016
Notizie e aggiornamenti
Cosmetici: meglio quelli “chemical free”