Ansia da infortunio

02 luglio 2013

Ansia da infortunio




01 luglio 2013

Ansia da infortunio

Buongiorno. Mi è capitato di subire una cosa incresciosa e dannosa per la mia salute psico fisica. Premetto che sono un tecnico di laboratorio biomedico, comunque durante un turno di notte si è incendiata un'ala del laboratorio ed ho aspirato fumo tossico dal momento che il materiale andato a fuoco era per lo più plastica. Mi hanno ricoverato dopo un paio di ore, ed è risultato un emogas anomalo, quindo ossigeno per tutta la notte. In seguito ad accertamenti mi hanno riscontrato edemi vai, glottide, trachea e corde vocali. Prima domanda: è possibile che possa venire una ernia iatale dopo il fattaccio? Seconda domanda: sono ancora sotto INAIL perché psicologicamente da quella notte ho disturbi di ansia, insonnia e veri attacchi di panico al solo pensiero di tornare al lavoro, visto che attualmente i sistemi di allarme sono rimasti uguali (l'allarme sonoro non ha funzionato) e di notte si lavora soli, con l'appoggio di un laureato reperibile, che non viene quasi mai chiamato. Quanti giorni di cure e riposo possono aspettarmi? Attualmente sono seguito da una psicoterapeuta ed assumo benzodiazepine che sto riducendo gradatamente. Vi ringrazio anticipatamente e mi scuso se sono stato logorroico, ma quando si tratta di salute. . . . Buon lavoro.

Risposta del 02 luglio 2013

Risposta a cura di:
Dott. MARCO PAOLEMILI


L'Ernia iatale non si forma dopo una intossicazione. L'incidente che ha subito le ha provocato uno stress a cui sta ancora reagendo. Sta facendo bene a seguire una psicoterapia oltre ai farmaci. I tempi di recupero possono essere variabili, difficili da stimare, ma il suo problema è risolvibile!

Dott. Marco Paolemili
Casa di cura convenzionata
Specialista attività privata
Ricercatore
Specialista in Psichiatria
Roma (RM)

Ultime risposte di Mente e cervello

Tags:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa