Aterosclerosi

29 gennaio 2013

Aterosclerosi




28 gennaio 2013

Aterosclerosi

Mi sono sottoposto ad una angiotac: aorta add. pervia, minimamenteectasica con segni di ateromasia calcifica ed apposizione di un trombo parietale - arto inf. dx: ectasia arteria iliaca com. (14mm) con ateromasia calcifica e alcune piccole placche ulcerate, stenosi del 65% arteria femorale comune; arto inf. sx: ectasia iliaca com (15 mm) con ateromasia calcifica, trombo parietale, modica ectasia iliaca int. che presenta stenosi 50%. Sono molto preoccupato; è una situazione grave? Corro seri rischi di ictus e Trombosi? Quale può essere la terapia? Grazie

Risposta del 29 gennaio 2013

Risposta a cura di:
Prof. ALBERTO TITTOBELLO


La stenosi del 65% è quasi al limite per assicurare un'adeguata quantità di sangue. Il consiglio è quello di rivolgersi a un Centro Cardiologico per valutare l'opportunità di asportare i trombi ed eventualmente inserire degli stent.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Milano (MI)
Risposta del 29 gennaio 2013

Risposta a cura di:
Dott. ORESTE URBANO


Le consigio di effettuare un co-color-doppler completo aorto-iliaco e arterioso degli arti inferiori con MISURAZIONE DEGL'INDICE ABI e quindi fare una buona valutazione angiologica.

Dott. Oreste Urbano
Medico Ospedaliero
Specialista in Cardiologia
Specialista in Chirurgia vascolare, angiologia
Specialista in Endocrinologia, Diabetologia e malattie del ricambio


Ultime risposte di Cuore circolazione e malattie del sangue

Tags:


...e inoltre su Dica33:
Ultimi articoli
Angina
Cuore circolazione e malattie del sangue
19 gennaio 2022
Patologie mediche
Angina
La grelina a digiuno migliora la salute del cuore
Cuore circolazione e malattie del sangue
15 novembre 2021
Notizie e aggiornamenti
La grelina a digiuno migliora la salute del cuore
L'attività fisica quotidiana dopo un impianto di defibrillatore
Cuore circolazione e malattie del sangue
29 settembre 2021
Notizie e aggiornamenti
L'attività fisica quotidiana dopo un impianto di defibrillatore
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa