Attacchi di panico (presunti)?

10 luglio 2001

Attacchi di panico (presunti)?




Domanda del 09 luglio 2001

Attacchi di panico (presunti)?


Se una persona viene colpita da forti tremori in tutto il corpo accusando una sensazione di mancanza di respiro, cosa si può fare per aiutarla?
Risposta del 10 luglio 2001

Risposta di MAURO MILARDI


La prima valutazione da fare è di escludere possibili effetti dovuti a sostanze con effetto farmacologico o dovuti ad una condizione medica generale. Per questo il suo medico di Medicina Generale è la persona da consultare.
Se però non risultano cause fra quelle sopradette allora si può prendere in esame qualche altra possibilità e, fra tutte, quella della presenza di un Disturbo di Panico.
Con questo termine si intende un periodo di intensa paura o disagio durante alcuni sintomi, fra cui si trovano i tremori, si sviluppano improvvisamente e raggiungono il massimo entro 10 minuti. Nell'immediato si può cercare di tranquillizzare la persona, invitandola a respirare tranqullamente (con respirazione addominale ad esempio). E' però necessario avviare una psicoterapia specifica (cognitivo comportamentale e/o EMDR) con supporto farmacologico o meno. Questo anche per non indurre tutta una serie di comportamenti disfunzionali collegati alla presenza di questi disturbi che, ad esempio, possono portare alla paura di trovarsi in certe situazioni evitandole.

Dott. MAURO MILARDI
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata



Il profilo di MAURO MILARDI
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio


Ultime risposte di Mente e cervello



Potrebbe interessarti
Per la balbuzie un approccio multidisciplinare e personalizzato
Mente e cervello
19 ottobre 2018
Notizie e aggiornamenti
Per la balbuzie un approccio multidisciplinare e personalizzato
Lotta alla sclerosi multipla con la mela di Aism
Mente e cervello
05 ottobre 2018
Notizie e aggiornamenti
Lotta alla sclerosi multipla con la mela di Aism
Chat Yourself, il software alleato dei malati di Alzheimer
Mente e cervello
02 ottobre 2018
Notizie e aggiornamenti
Chat Yourself, il software alleato dei malati di Alzheimer