Borborigmi e alvo alternato

16 settembre 2019

Borborigmi e alvo alternato





11 settembre 2019

Borborigmi e alvo alternato

Buongiorno,
dopo un forte episodio virale intestinale nel giugno passato (di cui avevo già riferito nei mesi scorsi) ho continuato ad avere ricorrenti disturbi intestinali. A tal proposito, negli ultimi giorni, dopo le ferie estive, ho sostenuto due visite, da un gastroenterologo e da un medico mio parente, specializzato in psichiatria e psicoterapia, per indagare una eventuale componente ansiosa (essendo io incline a tale disturbo). Il gastroenterologo ha accuratamente esaminato la mia situazione, informandosi su eventuali sintomi conseguenti all'assunzione di glutine e/o lattosio ma non riscontrando alcuna "red flag" in proposito (no diarrea continua e profusa, no crampi e/o dolori addominali, no afte ricorrenti nè sintomi similari) e, segnalando un addome trattabile e non dolente nè dolorabile, ha optato per una SIBO post-infettiva, prescrivendomi rifaximina per otto giorni (2 compresse per 2 volte al dì) e successivo ciclo di fermenti lattici per 10 giorni. Lo psichiatra, informato sugli esiti della visita gastroenterologica, ha ipotizzato un disturbo d'ansia (sorta di colon irritabile) ma abbiamo concordato una "vigile attesa" di qualche settimana per monitorare un eventuale scomparsa della sintomatologia prima di intraprendere un'eventuale terapia. Al momento i miei disturbi si riducono a fastidiosi e ricorrenti borborigmi soprattutto notturni con relativa flatulenza e talvolta alvo alternato con feci occasionalmente poco formate, null'altro. Posso avere un vostro cortese parere al proposito. . . Possibile che questi borborigmi possano derivare da una forma di colite "ansiosa"? Esiste un rimedio efficace per limitare il fastidio che causano?


Risposta del 16 settembre 2019

Risposta a cura di:
Prof. MAURO GRANATA


La situazione potrebbe rientrare in una condizione di cosiddetto Colon irritabile. Questa fastidiosa malattia risente sicuramente di una predisposizione costituzionale e può essere nel corso della vita scatenata da fattori diversi tra i quali, come nel caso specifico, infezioni virali anche banali. Mi sembra comunque che le scelte da lei fatte su consiglio dei sanitari consultati siano assolutamente opportune. Cordiali saluti.

Prof. Mauro Granata
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Medicina interna
Specialista in Reumatologia
ROMA (RM)

Ultime risposte di Stomaco e intestino

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio


Vedi anche:


Ultimi articoli
Come fare il clistere
02 ottobre 2019
Notizie e aggiornamenti
Come fare il clistere
L’importanza dei probiotici
18 settembre 2019
Notizie e aggiornamenti
L’importanza dei probiotici
Gastrite
28 agosto 2019
Patologie mediche
Gastrite