Cefalea trafittiva in sede temporale

03 febbraio 2019

Cefalea trafittiva in sede temporale




Domanda del 15 gennaio 2019

Cefalea trafittiva in sede temporale


Soffro di cefalea dal' età' di 20 anni, le crisi sono diminuite dopo la menopausa (51 anni). Negli ultimi mesi ho delle improvvise vampate di calore che mi colpiscono casualmente nell'arco della giornata. A conclusione di una laringite acuta con raffreddore e tosse importante ho avuto dalle ore 17 fino alle 5 del mattino seguente delle fitte a intervalli non regolari alla tempia sinistra e, il giorno seguente delle fitte saltuarie a lato dell'orecchio sinistro. Il medico curante vorrebbe farmi eseguire RMN encefalo con mdc. Io sono perplessa sul fatto di farla con liquido di contrasto. Che indicazione mi può' dare? Se si trattasse di aneurisma sarebbe ugualmente riscontrabile senza mdc? Mi consiglia altri controlli? Faccio presente che eseguo ogni 6 mesi follow up (esami sangue, urine, eco addominale complete) a causa di melanoma alla coscia sinistra (spessore Breslow mm. 0. 8, terzo livello di Clark ) stata operata nel 2014 e che i risultati sono a posto. La ringrazio. Cordiali saluti
Risposta del 03 febbraio 2019

Risposta di:
Dott.ssa MARIA SOFIA COTELLI


gentilissima. . . Prima di fare l'esame di risonanza farei una valutazione neurologica ambulatoriale, magari presso un centro Cefalee, per meglio inquadrare un episodio di "fitte" che, apparentemente, sembra isolato ed autolimitatosi ad alcune ore in corso di un a patologia infiammatoria. Inoltre il sintomo "avrebbe coinvolto l'orecchio". Ciò a fronte di una cefalea che sembrava essere regredita, come del resto frequentemente avviene in menopausa. Mi faccia sapere



Maria Sofia Cotelli
Medico Ospedaliero
Specialista in Neurologia
Esine (BS)
Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio


Ultime risposte di Mente e cervello


Vedi anche:


Potrebbe interessarti