Cervicobrachialgia

26 maggio 2015

Cervicobrachialgia




20 maggio 2015

Cervicobrachialgia

Buongiorno, ho 43 anni e da circa 3 mese soffro di dolori al collo spalla e braccio dx, nessun miglioramento con i seguenti medecinali Ketoprofene, Palexia. Eseguita risonanza il 16/03/15 con il seguente esito:
Aspetto rettilineo del rachide cervicale per raddrizzamento della fisiologica lordosi. Segni di degenerazione- disidratazione dei nuclei polposi discali.
A C3-C4 e C4 e C5 protusione postero laterale con irregolarità uncoartrosiche e restringimento dei forami di coniugazione.
A C5- C6 più evidente protrusione posteriore ad ampio raggio con possibile lieve contatto sulla corda midollare con netto restringimento dei forami e verosimile contatto sulle radici corrispondenti in particolare a sinistra. Irregolarità uncoartrosiche concorrono al restringimento dei forami.
A C6-C7 restringimento dei forami di coniugazione per protrusione postero-laterale e irregolarità uncoartrosiche con possibile contatto sulle radici corrispondenti.
Non evidenti lesioni focali nel midollo spinale esaminato.
Il 13/04/2015 mi ha visto un neurochirurgo che mi ha consigliato la seguenti terapia per 20 gg
Arcoxia 60 mg due volte al giorno
Co-efferagaln a pranzo
Sirdalud alla sera
Successivamente un ciclo di tecarterapa (6 sedute)
Con i medicinali i dolore non è passato, con la tecar all'inizio il dolore è aumento adesso è diminuito ma sempre presente.
Volevo sapere un suo parere in merito al problema e un consiglio su eventuali altre terapie o intervento chirurgico.
Grazie
Cordiali saluti

Risposta del 26 maggio 2015

Risposta a cura di:
Dott. VINCENZO VERDUCI


Salve,
sulla base di quanto da Lei riportato e considerando il fallimento della terapia medica e fisica che Le era stata prescritta (e con la quale concordo ), credo sarebbe indicata una nuova visita neurochirurgica per valutare l'opportunità o meno di un trattamento chirurgico delle importanti protrusioni discali a livello cervicale, poiché potrebbe rientrare in quella percentuale di pazienti che, purtroppo, non giovano di un trattamento conservativo di questa patologia.

Saluti


Vincenzo Verduci
Medico Ospedaliero
Specialista in Ortopedia e traumatologia
Massa (MS)

Ultime risposte di Scheletro e Articolazioni


Vedi anche:


Ultimi articoli
Storta alla caviglia: cosa fare
27 novembre 2019
Notizie e aggiornamenti
Storta alla caviglia: cosa fare
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube