Cisto prostatite

22 settembre 2014

Cisto prostatite




11 agosto 2014

Cisto prostatite

Salve gentile dottore, sono un ragazzo di 23 anni e 10 mesi fa mi è stato diagnosticato un batterio che ancora oggi non ho debellato,
10 mesi di inferno tra bruciori uretrali post minzionali Diarrea e furioscita di emorroidi
allego le analisi con le relative cure

Dicembre- urinocoltura positiva enterococcus spp- 10 giorni augmentin
Marzo-spermiocoltura positiva enteorcoccu faecalis - 7 giorni neofuradantin
Luglio-coprocoltura positiva e. coli - 5 giorni ciproxin
Agosto-tampone uretrale stafilococco aureus- 7 giorni bactrim (in corso)

Attualmentente ho appena finito la cura con bactrim ma i disordini intestinali e il bruciore all interno dell uretra non sono svaniti.

Considerando che sono trascorsi 10 mesi e non ho debellato il batterio anzi si propaga in altri organi, vescina-prostata-intestino-uretra

1) è necessario il ricovero ospedaliero?
2) in base all ultimo antibiogramma è stata corretta la cura dell urologo con bactrim? anche se ha l indice mic più alto
3) assodato che il batterio è situato dentro l uretra, esistono creme antibiotiche uretrali?

AB tampone uretrale agosto
clindamicina S 0, 25
daptomicina S 0, 12
acido fusidico S 0, 5
gentamincina S 0, 5
linezolid S 2
mupirocina S 2
rifampicina S 0, 03
tigeciclina S 0, 25
tripetoprim/sulfametossazolo S 10
vancomicina S 1
benzilpenicillina R
cefoxitina R
eritromicina R
fosfomicina R
levofloxacina R
oxacillina R
teicoplanina R
tetraciclina R

Risposta del 22 settembre 2014

Risposta a cura di:
Dott. NICOLA GIOTTA


Cerco di essere sintetico:
1- non ritengo necessario un ricovero Ospedaliero.
2- il bactrim è un antibiotico a largo spettro d'azione che combatte non solo il batterio evidenziato nell'ultima urocoltura ma anche altri batteri.
3- i batteri che hanno colonizzato le vie urinarie nel suo caso sono stati sempre differenti. Questo fa pensare ad una condizione anatomica favorente l'infezione oppure ad una infezione cronica da parte ad esempio di micobatteri. E'necessario escludere la presenza di questi ultimi, usare le dovute precauzioni d'igiene nella sessualità, per esempio il condom per evitare di'passare'l'infezione, ricordarsi che tali germi risalgono dall'esterno verso le vie urinarie.
4- E'importante avere un alvo regolare e bere acqua a sufficienza.
Cordialmente

Dott. Nicola Giotta
Medico Ospedaliero
Specialista in Nefrologia
Asti (AT)

Ultime risposte di Rene e vie urinarie




Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube