Cleptomania

07 ottobre 2004

Cleptomania




27 settembre 2004

Cleptomania

Buongiorno. Scrivo perchè non sono più serena. da quando ho detto ad una mia cara amica di averla vista rubare dei soldi dalla cassa del negozio e che molte volte ci sono spariti i soldi dalle nostre borse sempre quando rimaneva sola. Ho iniziato il discorso premettendo che il mio era un tentativo di aiuto, se avesse avuto qualcosa da confidarmi o se aveva bisogno di aiuto. Lei ha negato tutto, si è offesa, ha pianto (ma non si è ar Rabbia ta cosa che avrebbe fatto chiunque fosse stato accusato ingiustamente). Se ne è andata via e non so più niente. Cosa devo fare? Niente o chiamarla? Aiutatemi. Grazie

Risposta del 07 ottobre 2004

Risposta a cura di:
Dott.ssa GIULIA MARIA D'AMBROSIO


Ha già fatto quello che doveva. Un gesto da amica. Ha messo a nudo il suo limite, ciò che forse non poteva confessare neppure a se stessa. L'ha messa di fronte alla sua responsabilità. In questi casi le amicizie si rompono, ma spesso ciò costringe chi è malato a farsi finalmente aiutare.
Se è destino che rimaniate legate, vi reincontrerete e vi chiarirete.
Altrimenti va bene così.
A volte bisogna essere sinceri per aiutare qualcun'altro, costi quel che costi. E' la vita. Se lo ricordi per quando avrà dei figli.
Saluti cordialissimi.

Dott. Ssa Giulia Maria D'Ambrosio
Specialista attività privata
MILANO (MI)

Ultime risposte di Mente e cervello




Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa