Cleptomania o che altro?

07 maggio 2013

Cleptomania o che altro?




07 maggio 2013

Cleptomania o che altro?

Salve, sono qui a chiederVi un aiuto che faccia luce all'enorme senso di disorientamento che sto provando. . il mio compagno, 50enne, da10 convivente, andrà domani da un avvocato che rappresenterà lui e il suo datore di lavoro in seguito ad una registrazione di sorveglianza cui sono al corrente i carabinieri, dove parrebbe (uso il condizionale perchè ancora non è stata visionata e perchè per me che sono cresciuta in una famiglia rispettabile e con fortissimi valori, ancora mi sembra un incubo impossibile. . ) dove lui ruba una banconota a un cliente. . è stato messo al corrente dal suo capo e quando gli sono state fatte le debite domande in merito, lui si è trovato smarrito, incredulo. In pratica lui non ricorda minimamente che ciò sia accaduto. Tengo a precisare che 9anni fa accadde un fatto simile ma lui era consapevole e disperato e il denaro lo prese a me per un bisogno serio e non accadde+. E'una persona onesta, di quelle che se si accorge di una differenza di resto non esita a tenersi solo il dovuto, gran lavoratore, dipendente per uno stipendio nn equo minimo12h al giorno senza ferie, nè altro. . . non ha e non ha mai avuto "grilli"per la testa con vizi o altro. . casa e lavoro (anche volendo non resta tempo x null'altro ). E tra l'altro lui è a conoscenza della videosorveglianza, resa necessaria da una serie di furti (di cui è stato anche vittima2volte) a causa del via vai di gente a volte anche discutibile come zingari etc. .

Per quanto ne so io la cleptomania è un impulso irrefrenabile a rubare qualunque cosa, spesso anche inutile, di nn interesse, e non di denaro. . inoltre scatta nella violazione della legge in maniera del tutto cosciente, impulso che viene placato con l'atto. . questo mi disorienta ancor di più perchè lui e in maniera assolutamente sincera, non ricorda nulla. . . oltre ad un'angoscia che non so tradurre in parole, sono terrorizzata dal fatto che se ne venga a capo (e con quali costi? ?) oltre alle conseguenze penali, e a ciò che ne sarà della mia famiglia. .

Risposta del 07 maggio 2013

Risposta a cura di:
Dott. MARCO PAOLEMILI


Cara signora, ha descritto bene la cleptomania. Tuttavia questo disturbo porta a ripetuti furti, non a uno solo isolato. Fare la diagnosi di cleptomania con un solo furto sarebbe molto difficile. Bisogna chiedere al suo compagno se ha avuto altri impulsi a rubare, riuscendo però a controllarsi oppure altri tipi d'impulsi, sempre controllati. Se ha un problema di questo genere può essere aiutato da uno psichiatra, vi consiglio di consultarne uno a breve termine, date le circostanze.

Dott. Marco Paolemili
Casa di cura convenzionata
Specialista attività privata
Ricercatore
Specialista in Psichiatria
Roma (RM)

Ultime risposte di Mente e cervello

Tags:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa