Colite acuta, ileo o occlusione..?

27 settembre 2016

Colite acuta, ileo o occlusione..?




26 settembre 2016

Colite acuta, ileo o occlusione..?

Buongiorno, premetto che sono stato operato di appendicectomia 17 anni fa. Da cinque giorni soffrivo di infiammazione alla gola senza febbre, ma con dolori forti che mi impedivano di dormire, cui sopperivo con paracetamolo. Una mattina (dopo essere andato regolarmente in bagno di notte) mi sveglio con dolori fortissimi all'altezza dello stomaco che vanno e vengono in spasmi. Vomito anche liquidi col passare delle ore. Mi vengono fatti vari esami, ecg regolare, esami del sangue regolari salvo globuli bianchi alti e iperglicemia (mai riscontrata prima ), da ecografia e radiografia emerge un'infiammazione ('versamenti') intestinale, confermata dalla TAC con contrasto, i medici pur non vedendolo in modo inequivocabile sospettano un volvolo e mi propongono intervento chirurgico, intanto mi è stato messo un antibiotico forte (ceftriazone) in flebo e con questo il dolore scompare (14 ore dopo l'insorgenza ). Propongo di aspettare almeno la mattina dopo, e quella notte riesco a dormire e vado di corpo. Il giorno dopo mi sento meglio e in forze. Ripetono ecografia e diretta addome, il quadro è nettamente migliore; l'iperglicemia si abbassa (ultimo rilevamento 120 a digiuno ). I medici mi dimettono due giorni di osservazione dopo. Ora sono passati 10 giorni, di cui 5 sotto rifaximina; sto mangiando e bevendo (ovviamente cibi leggeri e seguendo la dieta prescritta, senza bevande gassate e scorie ), non ho sintomi e tutto sembra normale salvo un po'di Diarrea (ma a ritmo regolare e senza colorazioni anomale ). Vorrei dare un senso a questo episodio anche per capire come regolarmi in futuro: è possibile un volvolo causato da aderenze, dopo 17 anni (senza mai aver avuto sintomi analoghi) dall'unico intervento subito e in un'area del tutto diversa, e che si è risolto da sé dopo 14 ore? Oppure quale può essere una spiegazione alternativa? grazie infinite, cordiali saluti

Risposta del 27 settembre 2016

Risposta a cura di:
Prof. ALBERTO TITTOBELLO


Sì, tutto questo è possibile e non credo che vi siano molte ipotesi alternative. Non sono episodi prevenibili, quindi non c'è un particolare comportamento per evitarli. Ma non è detto che il fenomeno si ripeta.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)

Ultime risposte di Stomaco e intestino


Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube