Colite cronica aspecifica

03 marzo 2017

Colite cronica aspecifica




01 marzo 2017

Colite cronica aspecifica

Buonasera, scrivo per avere delle delucidazioni sul risultato dell'esame istologico a seguito della colonscopia da me eseguita. Premetto che ho problemi di diarrea persistente da circa 2 anni. Ho eseguito vari esami tra cui : Celiachia: negativa Egds+biopsie: negativa Esame ematochimico : deficit di IgA Visita proctologica: iperemia diffusa come per proctite, emorroidi di I grado Inoltre ho l'allergia al nichel e alle graminacee e un'intolleranza al lattosio. Colonscopia: Ano: emorroidi Colon: ileo terminale che presenta mucosa iperemica. Esito biopsie: ileo terminale: frammenti di mucosa ileale con flogosi cronica follicolare. Colon destro, sinistro e retto: frammenti di mucosa del grosso intestino con flogosi cronica quiescente della lamina propria. No granulomi. I reperti sono in favore di colite cronica aspecifica. Come terapia: pentacol 800mg per 3 mesi. Vorrei sapere cos'è la colite cronica aspecifica e se è curabile. Soprattutto perché sta diventando veramente invalidante e perché ho letto che solitamente il morbo di crohn viene spesso diagnosticato come colite cronica aspecifica. Quindi vorrei anche sapere se si tratta di una malattia infiammatoria intestinale (ibd). Oppure si può parlare di colon irritabile? Ed essendo per me così cronica (ormai 2 anni di ininterrotta diarrea) si può chiedere una percentuale di invalidità? Grazie in anticipo.

Risposta del 03 marzo 2017

Risposta a cura di:
Prof. ALBERTO TITTOBELLO


Non so dove lei abbia letto quell ' informazione, ma se una colite ( cioè una infiammazione ) viene definita aspecifica, significa automaticamente che vengono esclusi sia il morbo di Crohn, sia la colite ulcerosa, cioè le due più importanti malattie infiammatorie intestinali. Si tratta sempre di una infiammazione, ma molto più lieve, definita " quiescente ". Il termine cronica non ha significato di gravità, ma solo di durata nel tempo. Non posso dirle altro, perché non mi ha descritto i suoi disturbi e il semplice termine " diarrea " senza specificare di cosa si tratti, purtroppo non spiega nulla.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)

Ultime risposte di Stomaco e intestino

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio


Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube