Colite eosinofila

23 ottobre 2014

Colite eosinofila


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


21 ottobre 2014

Colite eosinofila

Ho da quasi un anno un problema di diarrea ricorrente ma non si riesocnoa capirne le cause e quindi trovare terapie adeguate.

ESAMI effettuati da Dicembre 2013 ad oggi:
• Ecografia addome (negativa)
• Ripetute analisi del sangue (ANA 1:640, Folati bassi)
• Colon TC (negativa) / Colonscopia con biopsia (Marcata eosinofilia (fino a 60/HPF) tissutale rilevata da biopsie multiple)
• Entero RM (negativa)
• Analisi Feci / Urine (negative)
• Analisi antiparassitarie Feci (negativi)
• Esami allergologici del sangue e con Prick/Patch (Intolleranza a Gamberi e lieve intolleranza a Lievito di birra)

SINTOMI presenti:
• Forfora ricorrente a giorni (diminuita con uso di cortisone Clipper)
• Iper-reattività cutanea su tutto il corpo
• Da gennaio (dopo una colon-tc dolorosa per aria spinta dentro) lieve fitta sempre presente al basso ventre dx (zona ileo), si attenua in periodi di digiuno.
• Meteorismo abbondante a giorni.
• Feci sempre semimolli (no muco, no sangue), alternate circa una volta a settimana a diarrea piuttosto liquida (no muco, no sangue), scariche prevalentemente collocate nelle ore mattutine, una media di 2-3 evacuazioni al giorno.
• Il disagio più grosso sta nel fatto che quando sento lo stimolo, devo correre ed evacuare nel giro di pochi minuti perché non riesco proprio a trattenerlo.

Sto rimbalzando da un gastroenterologo all'altro ma le terapie proposte (a base di corticosteroidei) non danno risultati e nessuno sa dirmi su cosa altro si potrebbe indagare per approfondire la questione.
Provate terapie con entocir, pentacol, nalcrom, montelukast, metronidazolo, zirtec, diete ad eliminazione. . . solo recentemente con il clipper ad alte dosi ho una lieve attenuazione dei sintomi. . ma appena calo si ripresentano. . . Qualsiasi tipo di suggerimento/aiuto è gradito. . .
Grazie.


Risposta del 23 ottobre 2014

Risposta a cura di:
Prof. ALBERTO TITTOBELLO


Credo che l'ultima terapia consigliatale sia quella più efficace, come già lei ha notato. Non può che proseguire con la stessa. Non vedo altre soluzioni

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)

Ultime risposte di Stomaco e intestino

Tags:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
La stipsi nel paziente cronico
Stomaco e intestino
30 marzo 2021
Sintomi
La stipsi nel paziente cronico
Infezioni correlate all’assistenza, al via la campagna #ALLEAMICI
Stomaco e intestino
22 dicembre 2020
Notizie e aggiornamenti
Infezioni correlate all’assistenza, al via la campagna #ALLEAMICI