Come controllare la fame?

04 gennaio 2002

Come controllare la fame?




Domanda del 22 dicembre 2001

Come controllare la fame?


Ho 29 anni e sono in sovrappeso di circa 8-10 chili. Il mio problema e’ che non riesco a dominare il senso di fame. Una dietologa mi ha dato una dieta, neanche troppo rigida, ma non riesco a seguirla. In genere riesco a rispettarla durante il giorno, ma la sera, verso le 11, mi assale un senso di fame fortissimo, tanto che se non mangio qualcosa sto davvero male, e allora mi abbuffo, vanificando gli sforzi fatti nel corso della giornata. Ho provato ad assumere degli integratori dietetici (prodotti da banco, acquistabili senza ricetta) a base di fibre, alghe, ecc., che promettono di attenuare il senso di fame, inducendo un senso di sazieta’, ma non mi fanno alcun effetto. So che esiste un farmaco (la sibutramina) che riduce l’appetito, ma non credo sia indicato per chi deve perdere solo una decina di chili. Esiste qualche prodotto anoressizzante senza effetti collaterali, che possa acquistare senza ricetta?
Risposta del 04 gennaio 2002

Risposta di PATRIZIA MARIA GATTI


Gentile utente,
per prima cosa si tranquillizzi, perchè il suo problema è piuttosto comune. E' comunque chiaro che ogni caso va valutato con attenzione dallo specialista adatto. Nel suo caso, che per altro è descritto con pochi dettagli, mi pare che gli specialisti da consultare siano più di uno. Il medico di famiglia è il primo, poi senta un dietologo e anche uno psicologo. Questa è la strada corretta per combattere questo genere di problemi. Per ciò che riguarda la sibutramina, va detto subito che questa non è un semplice anoressante. E' un farmaco appositamente studiato per la terapia farmacologica del sovrappeso e dell'obesità. Ma non è privo di effetti collaterali e non va autogestito senza un attento monitoraggio medico. I molti lavori sperimentali realizzati nel mondo che hanno sostenuto la terapia con sibutramina nella gestione dell'obesità, ne hanno soprattutto promosso e dimostrato l'efficacia in persone fortemente resistenti ad altri trattamenti e che si trovano in condizioni generali che impongono un supporto farmacologico per la presenza di patologie che complicano il sovrappeso o l'obesità. Ma in ogni caso, si deve accompagnare sempre il farmaco alla dieta. Il trattamento con sibutramina non deve falsare le aspettative, in genere, l'efficacia provata è quella di perdere peso non rapidamente, ma stabilmente. Cioè mantenere la perdita in peso raggiunta per un periodo di almeno 6 mesi - un anno. Tra l'altro, non sono poi molti i lavori scientifici che si sono rivolti al trattamento di soggetti giovani (sotto i 40 anni) o che non avessero provato almeno una dietoterapia costante. Secondo me, per prima cosa, è meglio caratterizzare meglio il suo problema insieme con gli specialisti competenti. Il senso di fame incontenibile, nasconde sempre un bisogno psicologico che con un po' di pazienza si può modificare e con gli aiuti giusti si può risolvere.
Il mio parere sugli integratori dietetici da banco? Possono aiutare, ma non risolvere i problemi di fondo e soprattutto non mantengono le promesse.

Dott. PATRIZIA GATTI
Specialista attività privata
MILANO (MI)



Il profilo di PATRIZIA MARIA GATTI
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio


Ultime risposte di Alimentazione



Potrebbe interessarti
Mele, un concentrato di sostanze benefiche per l'organismo
Alimentazione
22 settembre 2018
Notizie e aggiornamenti
Mele, un concentrato di sostanze benefiche per l'organismo
Melanzane, ortaggio benefico ma attenzione ai condimenti
Alimentazione
15 settembre 2018
Notizie e aggiornamenti
Melanzane, ortaggio benefico ma attenzione ai condimenti
L’oliva e i grassi buoni che fanno bene al cuore
Alimentazione
08 settembre 2018
Notizie e aggiornamenti
L’oliva e i grassi buoni che fanno bene al cuore